Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 22 Febbraio 5 - 35 cm Aperti
Abetone(PT) 22 Febbraio 20 - 50 cm Aperti
Adelboden 22 Febbraio 24 - 65 cm Aperti
Airolo 22 Febbraio 10 - 150 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 19 Febbraio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 22 Febbraio 10 - 190 cm Aperti
Alleghe(BL) 22 Febbraio 30 - 80 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 22 Febbraio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Febbraio 10 - 50 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 22 Febbraio 7 - 40 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 22 Febbraio 10 - 40 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 22 Febbraio 35 - 75 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 19 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 19 Febbraio 30 - 50 cm Aperti
Andalo(TN) 22 Febbraio 25 - 65 cm Aperti
Andermatt 22 Febbraio 30 - 215 cm Aperti
Aprica(SO) 22 Febbraio 30 - 130 cm Aperti
Arcidosso(GR) 22 Febbraio 5 - 35 cm Aperti
Argentera(CN) 22 Febbraio 55 - 200 cm Aperti
Arosa 22 Febbraio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 22 Febbraio 120 - 200 cm Aperti
Asiago(VI) 19 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 22 Febbraio 10 - 40 cm Aperti
Avoriaz 22 Febbraio 90 - 120 cm Aperti
Ayas(AO) 22 Febbraio 50 - 90 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ecco le PIOGGE a la NEVE previste per i primi di febbraio al nord e al centro

Ritorno di piogge e nevicate sul nord Italia dai primi di febbraio, arrivano conferme. Piogge anche su diverse aree del centro.

Prima pagina - 27 Gennaio 2017, ore 11.45

La prossima settimana ritroveremo il braccio di ferro tra una circolazione fredda in quota sui Balcani e anticiclonica al suolo e una vasta saccatura sull'Atlantico in procinto di spingere verso di noi un'attiva perturbazione.

Anche nell'ultima emissione del modello americano si nota il notevole gradiente termico presente tra l'ovest e l'est del Continente previsto per i primi giorni di febbraio.

Un freddo ostinato che addirittura proverà a rientrare sul settentrione ma senza riuscire nell'impresa; tuttavia basterà un refolo per mantenere a ridosso delle Alpi l'isoterma degli zero gradi attorno ai 1300-1400m e consentire, all'arrivo delle precipitazioni, una quota neve attorno agli 800-1000m, salvando così la stagione sciistica da improvvide derive piovose.

Ammesso e concesso ovviamente che la perturbazione riesca nel suo intento.

In realtà il fronte vero e proprio è atteso in transito per venerdì 3 febbraio ma davanti a sé andrà a costruirsi un ramo caldo che andrà ad interessare giovedì 2 la Toscana, l'Umbria, il Lazio e le Marche, per poi risalire verso nord e coinvolgere il settentrione.

Dopo il passaggio frontale di venerdì è atteso un miglioramento.

In seguito il modello americano ripropone una corrente da ovest quasi esasperata, con l'alta pressione più invadente e scarse capacità penetrative nel Mediterraneo delle saccature per alcuni giorni.

In questo modo si resisterebbe nell'ambito di un regime di variabilità, dal clima decisamente mite per il periodo.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.03: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Faenza (Km. 64,5) e Forli' (Km. 81,6) in direzione Ancona dall..…

h 00.59: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Faenza (Km. 64,5) e Forli' (Km. 81,6) in direzione Ancona dall..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum