Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

...quelle nubi che brillano di sera

Le nubi nottilucenti sono assai rare in Italia. Vediamo cosa c'è alla base del loro sviluppo.

MeteoLive school - 10 Marzo 2016, ore 15.20

Il fenomeno delle nubi nottilucenti è piuttosto raro e si può osservare in cielo una o due ore dopo il tramonto del sole. Tali nubi si presentano fibrose, di forma allungata e con un colore bianco argenteo, a volte azzurro o blu, risultando un poco somiglianti ai cirri.

Sono molto rade e trasparenti, al punto da lasciar passare la luce delle stelle. Quando compaiono permangono anche per parecchie ore. Il fenomeno delle nubi nottilucenti è ristretto alle latitudini comprese tra i 45° e i 70°, sia sud che nord; in Italia, quindi, si tratta di un fenomeno assai raro. Tali nubi si distinguono da tutte le altre per la loro notevole altezza, compresa tra i 70 e i 90 km circa e la loro lucentezza trae origine da luce solare diffusa.

La struttura di queste nubi cambia con relativa rapidità e per comprendere la natura di esse è necessario analizzare lo strato di atmosfera a queste quote, dove i valori della pressione e della densità atmosferica sono in rapporto di appena 1 a 100.000 rispetto alla superficie terrestre.

La presenza di nubi a queste quote sta ad indicare che è ancora presente vapore acqueo sufficiente a determinare una condensazione; tale condensazione presuppone la presenza di particelle che aiutino questo fenomeno (nuclei di condensazione). Nel caso delle nubi nottilucenti, si è supposto che a fungere da nuclei di condensazione siano particelle cosmiche. Inoltre, per far mantenere in questo strato di nubi un contenuto adeguato di vapore acqueo, è necessario che salga aria umida dagli strati collocati al di sotto della tropopausa.

Come possa avvenire questa risalita di aria umida dal basso è ancora un mistero. Molta importanza viene data al trasporto di vapore acqueo originato da eruzioni vulcaniche, anche se una correlazione sicura tra i due fenomeni non è stata ancora trovata. Le nubi nottilucenti sono formate in prevalenza da ghiaccio e non esercitano alcun influsso diretto o indiretto sulle condizioni del tempo.

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum