Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Meteo a 7 giorni: periodo TEMPESTOSO sull'Italia!

Molte perturbazioni in transito, vento, sbalzi termici, neve sulle Alpi, piogge e temporali: ne avremo abbastanza sino a metà mese per dire che la siccità batterà ulteriormente in ritirata.

La sfera di cristallo - 9 Febbraio 2016, ore 15.14

Il periodo del gran secco è finito, se ancora non si fosse compreso.

Ora è il momento delle piogge, autunnali o primaverili che dir si voglia, in pieno febbraio, con l'Europa che sta vivendo un'anomalia termica positiva di quelle da inserire negli annali. Persino la favorevole congiuntura barica di lunedi 15 e martedì 16 NON riuscirà a portare neve in pianura.

Eppure un minimo sul Golfo Ligure riuscirà a risucchiare aria artica marittima, si ma anche quella sarà di scarsa qualità. Insomma l'inverno europeo è partito male e sta finendo peggio con la consolazione delle piogge scaccia siccità e della neve salva posti di lavoro in montagna.

Arriveranno altre perturbazioni sino al 15, la prima già sta interessando con il suo ramo caldo il settentrione e da stanotte irromperà anche l'aria fredda che dovrebbe riuscire a portare la neve sin sotto gli 800-1000m anche sul settore prealpino.

L'aria fredda sopraggiunta riuscirà a sfondare sin sul centro Italia, ma capirete che con l'isoterma di -2°C a 1500m che arriva a fatica sin sul Lazio, non è che l'inverno possa tornare a recitare un ruolo di primo piano.

Giovedì ecco un'altra baldanzosa perturbazione giungerà da ovest e determinerà rovesci lungo tutto il versante tirrenico, cercando di sfondare in parte anche sull'Emilia-Romagna e la bassa Valpadana.

Un terzo fronte è atteso venerdì e dovrebbe coinvolgere maggiormente quasi tutta la Penisola, soprattutto il centro-sud ma marginalmente anche il settentrione, specie Liguria, Emilia-Romagna e Triveneto. Attenzione però: in questi casi le traiettorie dei fronti possono risultare subdole ed improvvisamente a 12 ore dall'evento ci troviamo con la perturbazioni posizionata anche 200km più a nord del previsto.

Per lo stesso motivo la situazione del fine settimana sarà improntata ad una spiccata variabilità con precipitazioni ancora una volta più probabili al centro-sud e lungo le regioni tirreniche, mentre da domenica pomeriggio il tempo dovrebbe peggiorare in modo sempre più netto al nord a causa della formazione di quella depressione sul Mar Ligure, che aprirà una fase ancora instabile, favorevole a rovesci di neve che martedì potranno almeno coinvolgere le quote collinari prealpine e nord appenniniche. Altre piogge non mancheranno comunque anche al centro-sud per il passaggio di un'ulteriore perturbazione.

C'è davvero l'impressione di vivere un tardo autunno o il mese di marzo, scegliete voi...Del nostro bell'inverno europeo sembra rimasto davvero poco.

SINTESI PREVISIONALE SINO A MARTEDI 16 FEBBRAIO:
 mercoledì 10 febbraio: migliora al nord-ovest con un po' di foehn in pianura, nelle prime ore ancora rovesci e temporali al nord-est e sull'Emilia-Romagna con neve in calo mediamente dai 1200 sin verso i 500-600m sulla fascia alpina e prealpina, spruzzate anche sull'Appennino romagnolo ma con tendenza a miglioramento, instabile al centro con rovesci soprattutto sul Tirreno, ma in attenuazione, instabile al sud con rischio di rovesci sparsi o di qualche temporale nell'arco della giornata, in localizzazione sul basso Tirreno. Temperature in generale flessione e finalmente più in linea con le medie stagionali.

giovedì 11 febbraio: al nord dapprima bello e un po' freddo, poi nuvolaglia in arrivo da ovest e la sera qualche precipitazione tra Liguria, bassa padana, Emilia-Romagna con neve oltre i 900-1000m in Appennino, al centro peggioramento a partire dalla Sardegna in estensione a tutto il versante tirrenico con piogge e rovesci sparsi, neve oltre i 1300m. Sui versanti adriatici parzialmente nuvoloso e solo lungo i crinali appenninici qualche precipitazione. Temperature in ulteriore calo al nord, stazionarie al centro-sud.

venerdì 12 febbraio: al mattino rovesci all'estremo sud, poi schiarite, ma arriva la terza perturbazione con piogge a partire dalla Sardegna, in estensione a tutte le regioni tirreniche e probabilmente anche a Liguria, Emilia-Romagna e Triveneto in serata, con neve oltre i 900-1000m sulle Prealpi, asciutto sul settore alpino, più lontano dal fronte. Temperature in aumento.

sabato 13 febbraio: grande variabilità con maggior rischio di fenomeni al centro-sud e solo nuvolaglia al nord con sporadiche precipitazioni su arco alpino e Triveneto, nevose oltre i 1000-1200m. Temperature in ulteriore lieve aumento.

domenica 14 febbraio: peggiora al nord con piogge e rovesci, limite della neve a 1000m sulle Alpi, instabile anche al centro-sud con acquazzoni sparsi alternati a schiarite.

lunedi 15 e martedì 16 febbraio: probabili giornate molto instabili al nord con rovesci e limite della neve in progressivo calo sino in collina, martedì, instabile anche al centro-sud con acquazzoni e brevi temporali alternati a schiarite. Da rivisitare nel dettaglio...


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 23.36: A6 Torino-Savona

tstorm

Temporale tra Allacciamento Tangenziale Sud Di Torino (Km. 0,5) e Carmagnola (Km. 13,1) in entram..…

h 23.29: A12 Genova-Rosignano

rallentamento

Veicoli lenti tra Barriera Di Rosignano Marittimo (Km. 205,9) e Collesalvetti/Sgc Fi-Pi-Li (Km. 177..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum