Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 09 Dicembre - assente - Chiusi
Abetone(PT) 09 Dicembre 5 - 10 cm Aperti
Adelboden 09 Dicembre 0 - 10 cm Aperti
Airolo 21 Novembre - assente - Chiusi
Ala di Stura(TO) 28 Novembre - assente - Chiusi
Alagna Valsesia(VC) 09 Dicembre 0 - 220 cm Aperti
Alleghe(BL) 09 Dicembre 0 - 40 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 09 Dicembre 10 - 20 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 28 Novembre - assente - Chiusi
Alpe di Siusi(BZ) 09 Dicembre n/d Aperti
Alta Badia(BZ) 09 Dicembre 0 - 10 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 23 Giugno n/d Chiusi
Altopiano di Asiago(VI) 28 Novembre - assente - Chiusi
Altopiano di Vezzena(TN) 28 Novembre - assente - Chiusi
Andalo(TN) 09 Dicembre 0 - 13 cm Aperti
Andermatt 09 Dicembre 0 - 110 cm Aperti
Aprica(SO) 09 Dicembre 20 - 40 cm Aperti
Arcidosso(GR) 09 Dicembre - assente - Chiusi
Argentera(CN) 12 Aprile n/d Chiusi
Arosa 09 Dicembre 10 - 50 cm Aperti
Artesina(CN) 09 Dicembre 20 - 20 cm Aperti
Asiago(VI) 28 Novembre - assente - Chiusi
Auronzo di Cadore(BL) 09 Dicembre 10 - 0 cm Aperti
Avoriaz 09 Dicembre 30 - 40 cm Aperti
Ayas(AO) 09 Dicembre 20 - 50 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: prima l'anticiclone, poi l'instabilità nord-atlantica

Ci attende ancora qualche giornata di anticiclone prima d'avere un probabile quanto auspicabile cambiamento del tempo portato dalle masse d'aria più fredde ed instabili di origine nord-atlantica. Ecco in sintesi la linea di tendenza.

In primo piano - 28 Gennaio 2016, ore 21.10

Situazione attuale: l'indebolimento temporaneo dell'alta pressione sulla nostra penisola, porta al proliferare della nuvolosità di tipo medio-basso che oggi ricopre vasti settori del nostro Paese. Gli addensamenti più importanti quest'oggi riguardano soprattutto le regioni del versante tirrenico, vasti tratti dell'Appennino centro-settentrionale ed anche la Valpadana. Il contesto termico rimane sempre attestato su valori temperati e la ventilazione risulta moderata meridionale. Segnaliamo anche delle residue precipitazioni concentrate soprattutto su Liguria e Toscana. Mari da poco mossi a mossi per risacca meridionale da sud-ovest. 

L'ultimo ruggito dell'anticiclone. 

In queste ore la protezione dell'alta pressione sulla nostra penisola risulta meno efficace; sperimentiamo infatti un moderato rinforzo della ventilazione meridionale che accumula nuvolosità di tipo medio-basso su diversi settori d'Italia, risultando particolarmente densa lungo le coste dei versanti tirrenici. 

Trattasi in ogni caso di una condizione temporanea cui farà seguito già entro sabato 30 gennaio, un nuovo rinforzo dell'alta pressione a partire dai settori più occidentali dell'Europa e del Mediterraneo. L'ultima enfasi dell'anticiclone riguarderà il nostro Paese proprio a cavallo tra sabato 30 gennaio e lunedì primo febbraio. Entro questo lasso temporale prevediamo una nuova risalita delle temperature alle quote superiori, il probabile avvento di una moderata fase favonica su parte delle regioni settentrionali, una generale attenuazione della nuvolosità di tipo basso lungo le coste tirreniche del Paese, anche se probabilmente non assisteremo ad una sua completa dissipazione. 

I giorni della merla registrano ancora una volta pesanti anomalie termiche positive. 

In ambito europeo, il bilancio termico di quest'ultima parte di gennaio vedrà ancora una volta predominare le anomalie termiche positive a scapito di quelle negative. Tale condizione è determinata proprio dalla presenza di una forte ventilazione occidentale che, investendo tutta l'Europa, ha trascinato con sè masse d'aria umide e temperate sino al cuore dell'Europa orientale e della Russia. Le masse d'aria più gelide si sono pertanto ritirate sulla Siberia centrale ed orientale, senza svolgere alcun ruolo nella circolazione atmosferica del nostro inverno. 

La svolta fresca ed instabile nord-atlantica. 

La novità positiva che emerge quest'oggi dal quadro previsionale generale, riguarda l'avvento di una nuova fase instabile/perturbata che potrebbe coinvolgere il nostro Paese a partire dalla seconda settimana di febbraio. Un ribasso del Fronte Polare in oceano e la formazione di una vistosa figura di bassa pressione con annesso sistema frontale ben strutturato, porterebbe un sensibile cambiamento delle condizioni atmosferiche sul nostro Paese. 

Ancora incerta la posizione del sistema frontale associato a tale saccatura, anche se le prime stime in merito la sua posizione, sembrerebbero sposare la tesi di un'evoluzione "occidentale". L'Italia verrebbe dapprima interessata da un flusso di correnti tiepide ed umide meridionali con precipitazioni copiose lungo il versante tirrenico ed al nord, in seguito col passaggio del fronte freddo potrebbero verificarsi nevicate a quote medio-basse in grado di imbiancare Alpi ed Appennino sino a quote modeste. 

Questa al momento la linea di tendenza più accreditata. Conferme o smentite nei prossimi aggiornamenti. 


 

 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 07.47: A14 Bologna-Ancona

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Bologna San Lazzaro (Km. 22,2) e Faenza (Km. 64,5) in ent..…

h 07.43: A7 Milano-Genova

fog

Nebbia nel tratto compreso tra Allacciamento Diramazione Predosa-Bettole (Km. 72) e Isola Del Canto..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum