Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 04 Maggio n/d Chiusi
Abetone(PT) 04 Maggio n/d Chiusi
Adelboden 31 Maggio n/d Chiusi
Airolo 31 Marzo n/d Chiusi
Ala di Stura(TO) 04 Aprile n/d Chiusi
Alagna Valsesia(VC) 18 Aprile n/d Chiusi
Alleghe(BL) 25 Agosto n/d Aperti
Alpe Cermis(TN) 11 Aprile n/d Chiusi
Alpe di Mera(VC) 04 Aprile n/d Chiusi
Alpe di Siusi(BZ) 25 Agosto n/d Aperti
Alta Badia(BZ) 04 Maggio n/d Chiusi
Alta Pusteria(BZ) 23 Giugno n/d Chiusi
Altopiano di Asiago(VI) 23 Aprile n/d Chiusi
Altopiano di Vezzena(TN) 04 Aprile n/d Chiusi
Andalo(TN) 18 Aprile n/d Chiusi
Andermatt 13 Maggio n/d Chiusi
Aprica(SO) 15 Aprile n/d Chiusi
Arcidosso(GR) 04 Maggio n/d Chiusi
Argentera(CN) 12 Aprile n/d Chiusi
Arosa 31 Maggio n/d Chiusi
Artesina(CN) 11 Aprile n/d Chiusi
Asiago(VI) 23 Aprile n/d Chiusi
Auronzo di Cadore(BL) 04 Aprile n/d Chiusi
Avoriaz 25 Aprile n/d Chiusi
Ayas(AO) 04 Aprile n/d Chiusi
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: poderoso affondo artico sull'Europa

Nei prossimi giorni il bacino del Mediterraneo continuerà ad essere interessato da una circolazione piuttosto spiccata di venti occidentali. Diversi saranno i corpi nuvolosi previsti attraversare il nostro territorio nel corso della settimana. Entro il prossimo weekend l'innesco di una dinamica più spiccata di natura meridiana, potrebbe mettere in gioco addirittura delle masse d'aria fredda di origine artica. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 8 Febbraio 2016, ore 21.15

Situazione attuale: un parziale miglioramento delle condizioni atmosferiche è intervenuto sul nostro Paese nella giornata odierna, le schiarite più ampie restano appannaggio delle due isole maggiori, nonchè i settori di medio e basso Adriatico. Addensamenti piuttosto intensi governano invece il tempo atmosferico dei versanti tirrenici e delle regioni nord-orientali, senza però essere associati a precipitazioni significative. Segnaliamo anche un lieve ritocco delle temperature verso il basso. La ventilazione risulta moderata variabile, tendente nuovamente a ruotare dai quadranti meridionali già dalle prossime ore.

Sarà prima il turno dell'instabilità oceanica.

Nel corso dei prossimi giorni, il nostro Paese verrà interessato da un flusso piuttosto teso di correnti ocidentali di derivazione oceanica: queste ultime condizioneranno il tempo atmosferico dell'Italia, attraverso il passaggio di una serie di perturbazioni che distribuiranno precipitazioni soprattutto lungo i versanti occidentali della nostra penisola (Tirreno). 

Al momento focalizziamo almeno un paio di passaggi; il primo piuttosto vigoroso, interesserà il nostro Paese tra domani, martedì 9 e mercoledì 10 febbraio, distribuendo precipitazioni soprattutto sui settori di medio ed alto Tirreno (Liguria di Levante, Toscana, Lazio). Prevediamo anche un secondo picco di precipitazioni previsto sul Triveneto

Il secondo passaggio un po' più debole viene individuato nella giornata di venerdì 12, con precipitazioni concentrate soprattutto sul medio versante tirrenico (Toscana, Lazio, Campania), fenomeni minori altrove, con schiarite presenti soprattutto al nord e sui versanti adriatici.

Infine sarà il turno dell'instabilità artica con un poderoso affondo ciclonico sull'Europa e sul Mediterraneo.

L'evoluzione successiva sarebbe caratterizzata da una FORTE ripresa degli scambi di calore in senso meridiano; tale evoluzione si manifesterebbe attraverso una risalita dell'anticiclone delle Azzorre lungo i meridiani dell'oceano Atlantico, laddove andrebbe a costituirsi un'azione parziale di blocking. 

Ne scaturirebbe un'intensa e persistente discesa d'aria fredda di origine artica, direttamente prelevata dalle alte latitudini scandinave per essere gettata senza troppi scrupoli sull'Europa e sul Mediterraneo centrale, avendo quindi l'Italia come uno dei target preferenziali. Gli episodi di maltempo ed instabilità potrebbero a questo punto concentrarsi soprattutto sui settori di basso Mediterraneo, mentre lungo le coste settentrionali dovremo attenderci delle pause soleggiate più durature e l'avvio di una fase atmosferica un po' più secca rispetto a quella precedente. 

Degna di menzione l'asse di saccatura disteso per migliaia di chilometri da nord verso sud, approdando addirittura nelle aree più interne del continente africano, indubbiamente uno scambio meridiano dalle grandi proporzioni. 

Seguite i prossimi aggiornamenti.

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 18.30: A14 Pescara-Bari

incendio

Incendio tra San Severo (Km. 528,6) e Poggio Imperiale (Km. 507) in direzione Pescara dalle 18:2..…

h 18.30: A1 Firenze-Roma

coda incendio

Code per 3 km causa incendio tra Ponzano Romano-Soratte (Km. 516) e Allacciamento Diramazione Roma..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum