Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abetone(PT) 25 Febbraio 20 - 40 cm Aperti
Airolo 26 Febbraio 10 - 100 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 26 Febbraio 10 - 190 cm Aperti
Alleghe(BL) 26 Febbraio 30 - 80 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 26 Febbraio 60 - 75 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 13 Febbraio 2 - 70 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 26 Febbraio 7 - 43 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 26 Febbraio 10 - 35 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 26 Febbraio 35 - 75 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 11 Febbraio 10 - 70 cm Aperti
Andalo(TN) 13 Febbraio 10 - 65 cm Aperti
Andermatt 26 Febbraio 30 - 215 cm Aperti
Aprica(SO) 24 Febbraio 30 - 130 cm Aperti
Argentera(CN) 21 Febbraio 55 - 200 cm Aperti
Arosa 26 Febbraio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 14 Febbraio 100 - 180 cm Aperti
Asiago(VI) 11 Febbraio 10 - 70 cm Aperti
Ayas(AO) 26 Febbraio 50 - 90 cm Aperti
Badia(BZ) 26 Febbraio 10 - 35 cm Aperti
Bardonecchia(TO) 22 Febbraio 60 - 160 cm Aperti
Barzio(LC) 17 Febbraio 20 - 40 cm Aperti
Bettmeralp 26 Febbraio 44 - 93 cm Aperti
Bolognola(MC) 02 Gennaio n/d Chiusi
Bormio(SO) 24 Febbraio 40 - 100 cm Aperti
Bressanone(BZ) 26 Febbraio 48 - 92 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: febbraio prosegue tra intermezzi perturbati e pause soleggiate

L'esordio della mensilità di febbraio, porta sul Mediterraneo condizioni atmosferiche più tormentate; avremo diverse occasioni di pioggia con neve in montagna a quote non troppo elevate. Non mancheranno neppure le pause soleggiate. Le temperature tenderanno a scendere di qualche grado ma senza freddo intenso.

In primo piano - 3 Febbraio 2016, ore 21.00

Situazione attuale: un sistema frontale di tipo freddo, attraversa in queste ore il nostro Paese, determinando precipitazioni sparse che hanno interessato i settori centrali e settentrionali dello stivale. Fa seguito l'ingresso d'aria un po' più fredda di origine polare-marittima che, veicolata da venti settentrionali, determina ora un veloce miglioramento delle condizioni atmosferiche al nord. Le nubi persistono ancora al centro ed al sud, anche se entro la prossima notte ci attendiamo un miglioramento veloce su tutto il nostro territorio. Temperatura in calo moderato specie in quota, ventilazione tendente ora a ruotare dai quadranti settentrionali. 

Le ultime news in merito al passaggio perturbato del prossimo weekend. 

Ormai da molte giornate stiamo raccontandovi dettagliatamente gli aggiornamenti previsionali relativamente al passaggio di un fronte perturbato oceanico sull'Italia tra domenica 7 e lunedì 8 febbraio. Quest'oggi il transito di una perturbazione sull'Italia nelle date sopraccitate, trova ancora conferme da tutti i principali centri di calcolo, anche se la portanza e l'intensità della circolazione ciclonica generale sarà inferiore alle attese.

Ci attendiamo comunque un passaggio frontale in grado di distribuire precipitazioni su diverse delle nostre regioni; al momento quelle più colpite sembrano essere la Liguria di Levante, la Toscana ed il Lazio, nonchè l'area nord-est italiana con particolare riferimento al Veneto ed al Friuli. Precipitazioni più sporadiche sull'angolo nord-occidentale (Liguria di Ponente, Lombardia occidentale, Piemonte). 

Uno sguardo al termine della prima decade di febbraio: una grande depressione protagonista d'Europa. 

Gli aggiornamenti odierni mettono ancora in risalto la persistenza di una vistosa circolazione di bassa pressione sull'Europa settentrionale al termine della prima decade di febbraio. Quest'ultima recherà condizioni atmosferiche irrequiete e tempestose soprattutto su Regno unito, Francia, Penisola Scandinava e settori centrali europei. 

Per quanto concerne il tempo atmosferico previsto sul bacino del Mediterraneo, l'intensità della corrente a getto occidentale, impedirebbe la genesi di sistemi frontali organizzati. La persistenza di una circolazione occidentale, accumulerebbe comunque molta nuvolosità lungo i versanti tirrenici, laddove potrebbe esserci spazio per qualche sporadica precipitazione. Incerte anche le condizioni atmosferiche lungo le Alpi, mentre il tempo migliore sarebbe appannaggio delle regioni estreme meridionali (versante jonico). 

Medio e lungo termine: nuova perturbazione sull'Italia tra mercoledì 10 e giovedì 11 febbraio, poi l'incertezza.
 

La seconda decade di febbraio esordirebbe con una nuova offensiva fresca ed instabile sul Mediterraneo, in questo caso l'asse di saccatura avrebbe perno sui settori centro-orientali d'Europa, pregiudicando quindi lo stato del tempo dei settori orientali italiani, con particolare riferimento al medio e basso Adriatico. La ventilazione tendenziamente settentrionale ripulirebbe i cieli dalle nubi sulle regioni del nord e lungo i versanti tirrenici centrali.

L'evoluzione successiva rimane ancora molto incerta da comprendere; i nuovi aggiornamenti potrebbero mettere in luce delle nuove linee di tendenza ancora difficilmente diagnosticabili. 

Seguite gli aggiornamenti. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 13.27: SS202 Triestina

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Incrocio Trieste-Via Servola (Km. 35) e Incroci..…

h 13.25: A1 Roma-Napoli

incidente

Incidente a Ferentino in uscita in direzione da Roma dalle 12:54 del 26 feb 2017…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum