Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 21 Marzo 0 - 30 cm Chiusi
Abetone(PT) 23 Marzo 20 - 50 cm Aperti
Adelboden 23 Marzo 8 - 90 cm Aperti
Airolo 23 Marzo - assente - Chiusi
Ala di Stura(TO) 23 Marzo 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 22 Marzo 20 - 220 cm Aperti
Alleghe(BL) 23 Marzo 30 - 80 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 23 Marzo 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 23 Marzo 10 - 50 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 23 Marzo 5 - 40 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 23 Marzo 5 - 30 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 23 Marzo 20 - 60 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 23 Marzo 0 - 30 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 23 Marzo 30 - 50 cm Aperti
Andalo(TN) 23 Marzo 5 - 90 cm Aperti
Andermatt 23 Marzo 18 - 400 cm Aperti
Aprica(SO) 23 Marzo 30 - 120 cm Aperti
Arcidosso(GR) 21 Marzo 0 - 30 cm Chiusi
Argentera(CN) 20 Marzo 20 - 120 cm Aperti
Arosa 23 Marzo 90 - 160 cm Aperti
Artesina(CN) 22 Marzo 30 - 90 cm Aperti
Asiago(VI) 23 Marzo 0 - 30 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 21 Marzo 20 - 0 cm Chiusi
Avoriaz 23 Marzo 80 - 170 cm Aperti
Ayas(AO) 22 Marzo 50 - 100 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: ecco cosa potrebbe succedere nella prima decade di marzo

Gli ultimi giorni di febbraio saranno caratterizzati dall'entrata in scena di una intensa circolazione di bassa pressione sul bacino del Mediterraneo. Questa importante parentesi di tempo perturbato potrebbe determinare ripercussioni anche sulla circolazione atmosferica relativa alla prima decade di marzo; vediamo in che modo

In primo piano - 25 Febbraio 2016, ore 20.45

Situazione attuale: una modesta perturbazione attraversa proprio in queste ore il nostro stivale italiano, determinando un aumento della nuvolosità soprattutto lungo i versanti tirrenici del nostro Paese. Qualche precipitazione qua e là concentrata soprattutto su Toscana, Lazio, Campania. Ventilazione moderata meridionale, tendente a ruotare da ovest a partire dai settori più occidentali. Nubi irregolari al nord ma senza precipitazioni. Temperature ancora stazionarie.

Primi giorni di marzo: via all'instabilità nord-atlantica.

La profonda depressione che nei prossimi giorni condizionerà il tempo atmosferico del Mediterraneo, trarrà origine da una vistosa ondulazione della corrente a getto polare che in questo periodo dell'anno, con l'allungamento delle giornate e la ripresa degli scambi di calore polo-equatore, si manifestano con più facilità. Trattasi questo di un episodio particolarmente acuto di maltempo che lascerà dietro di sè strascichi anche sulla circolazione atmosferica futura.

Al momento l'ipotesi più accreditata resta quella di una circolazione ancora influenzata dalle masse d'aria oceaniche, in particolare da quelle polari-marittime veicolate da una circolazione tendenzialmente nord-occidentale. Questa fase interesserebbe l'Europa nei primi giorni di marzo e si manifesterebbe col transito di una serie di veloci impulsi trasportati con la corrente a getto. Il corridoio depressionario scavato negli ultimi giorni di febbraio, verrebbe quindi percorso facilmente dalle depressioni successive, anche se queste ultime avrebbero un'evoluzione più rapida, attardandosi meno sul nostro territorio.

Medio e lungo termine: anticiclone o instabilità?

Volgendo lo sguardo al periodo compreso tra la fine della prima e l'inizio della seconda decade, come è normale che sia, ritroviamo una previsione ancora discorde; non si riesce infatti a comprendere con precisione se l'anticiclone oceanico possa tornare ad espandersi in modo almeno parziale verso i settori centrali del nostro continente. Sino agli aggiornamenti relativi a ieri, mercoledì 24 febbraio, alcune linee di tendenza relative al lungo termine sembravano andare proprio verso questa direzione (modello europeo), tuttavia questa ipotesi non sembra avvalorata dalle altre linee di tendenza calcolate in base alle previsioni deterministiche degli altri centri di calcolo.

L'ipotesi più accreditata rimane a questo punto quella di un proseguimento della dinamicità atmosferica in chiave instabile, all'interno di essa può aprirsi un ventaglio assai vasto di soluzioni previsionali ancora difficili da diagnosticare dettagliatamente.

Tenetevi costantemente aggiornati con gli articoli di Meteolive.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 11.07: A10 Genova-Ventimiglia

coda incidente

Code causa incidente nel tratto compreso tra Arenzano (Km. 20,2) e Allacciamento A26 Ge Voltri-Grav..…

h 11.07: A1 Bologna-Firenze

rallentamento

Traffico rallentato nel tratto compreso tra Firenze Scandicci e Allacciamento A11 Firenze-Pisa Nord..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum