Scarica gratis le nostre app per le previsioni meteo sempre con te! App IOS App Android Mobile version
Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo

23 Aprile 2014 - Ore 15.58 Per la giornata di DOMENICA il nostro modello prevede: 52mm a Como, 44mm a Biella, 42mm a Lecco, 36mm a Varese, 30mm a Verbania e Monza.

23 Aprile 2014 - Ore 15.52 Temporali sono presenti anche sull'Appennino Ligure orientale, con locali grandinate nelle zone interne di Genova ( Bargagli). Le precipitazioni tentano di sconfinare verso le coste.

23 Aprile 2014 - Ore 15.44 Molte nubi sui rilievi alpini, con acquazzoni e brevi temporali sparsi, specie lungo le Prealpi. Forte temporale in atto con grandine nei pressi del lago d'Iseo (bresciano) e nel Veronese.

23 Aprile 2014 - Ore 15.43 Un'ultima sciata primaverile sulle piste di Madonna di Campiglio (TN)? Eccovi accontentati, la neve non manca e domenica ne arriverà ancora fra l'altro: http://meteolive.leonardo.it/webcam/displayWebcam/177

23 Aprile 2014 - Ore 15.41 Fantastica vista delle montagne ancora innevate sopra Bressanone (BZ), da qui sgorga la famosa acqua minerale, il cielo è tappezzato di cumuli innocui: http://meteolive.leonardo.it/webcam/displayWebcam/402/Bressanone+2479+m

23 Aprile 2014 - Ore 15.32 Dal grafico "spaghetti" si evince l'alta probabilità del peggioramento previsto per domenica 27 aprile su molte regioni, ma soprattutto al nord, guardate voi stessi: http://meteolive.leonardo.it/speciali/GRAFICI/57/grafici-spaghetti-per-macroaree-italiane/31742/

23 Aprile 2014 - Ore 13.51 Che cielo tenebroso su Sorrento (NA): nella zona non sono esclusi ulteriori rovesci nel pomeriggio: http://meteolive.leonardo.it/webcam/displayWebcam/399

23 Aprile 2014 - Ore 13.46 Il tempo in sintesi sino a domenica: bella giornata di sole quella di giovedì al nord e sulle regioni centrali tirreniche. Solo un po' di instabilità residua insisterà nelle zone interne del medio Adriatico e sul meridione, con rischio di locali rovesci pomeridiani, ma in un contesto spesso soleggiato. La giornata del 25 aprile vedrà il tempo peggiorare soprattutto sulla Sardegna e marginalmente al nord-ovest, mentre altrove resisterà il sole; per sabato l'instabilità si localizzerà al centro-sud con temporali sparsi, ci sarà il sole al nord. Domenica netto peggioramento al nord e poi al centro con molti rovesci o temporali e calo delle temperature.

23 Aprile 2014 - Ore 13.45 La perturbazione afro-mediterranea di invortica attorno ad un minimo barico posizionato sul Golfo di Taranto. http://meteolive.leonardo.it/speciali/SATELLITI/64/satellite-italia-visibile-moviola/38496/ I fenomeni più intensi, anche a carattere di temporale, si trovano nella parte più meridionale del sistema.

23 Aprile 2014 - Ore 13.43 Rovesci in atto nel Palermitano e nel Messinese, in Sicilia. Piove anche ad Avezzano, nell'Aquilano e a Potenza.

Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 25 Marzo 10 - 100 cm Chiusi
Abetone(PT) 23 Aprile 10 - 200 cm Aperti
Adelboden 23 Aprile 0 - 35 cm Aperti
Airolo 18 Aprile - assente - Chiusi
Ala di Stura(TO) 10 Febbraio n/d Chiusi
Alagna Valsesia(VC) 20 Aprile 0 - 200 cm Aperti
Alleghe(BL) 18 Aprile 0 - 400 cm Chiusi
Alpe Campo di Rimasco(VC) 07 Febbraio n/d Chiusi
Alpe Cermis(TN) 22 Aprile 20 - 270 cm Chiusi
Alpe di Mera(VC) 10 Aprile 10 - 250 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 18 Aprile 1 - 135 cm Chiusi
Alta Badia(BZ) 16 Aprile 0 - 90 cm Chiusi
Alta Pusteria(BZ) 18 Aprile 15 - 115 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 17 Aprile 0 - 300 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 22 Aprile 120 - 170 cm Aperti
Andalo(TN) 17 Aprile 0 - 250 cm Aperti
Andermatt 18 Aprile 0 - 400 cm Aperti
Aprica(SO) 22 Aprile 0 - 140 cm Aperti
Arcidosso(GR) 25 Marzo 10 - 100 cm Chiusi
Argentera(CN) 21 Aprile 30 - 100 cm Chiusi
Arosa 23 Aprile 20 - 60 cm Chiusi
Artesina(CN) 22 Aprile 100 - 200 cm Chiusi
Asiago(VI) 17 Aprile 0 - 300 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 24 Marzo 80 - 280 cm Chiusi
Avoriaz 23 Aprile 65 - 145 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Previsioni inverno 2014: gennaio e febbraio con brividi e neve a tratti?

Per la serie: quando la troposfera se ne frega di quanto avviene in stratosfera.

In primo piano - 18 Dicembre 2013, ore 09.53

Oggi si parla di possibile disaccoppiamento, cioè la troposfera prende le distanze da ciò che è avvenuto in stratosfera e pensa alla sua porzione di atmosfera. Vite separate insomma: avviene più spesso di quanto molti vorrebbero farci credere. E allora, direte voi: cosa cambia per noi comuni mortali?

Innanzitutto che ora l'inverno potrebbe storia a sè, anche se gli strat-warming attesi statisticamente in sede artica nelle prossime settimane potrebbero anche cambiare le carte in tavola, qualora bussassero con successo alle porte della troposfera.

Restiamo però nei piani bassi dell'atmosfera. Come abbiamo detto più volte, al Polo si sta accumulando molto freddo e appena la corrente a getto rallenterà, è normale che almeno una parte di questo serbatoio gelido si riversi verso le basse latitudini, con possibilità che raggiunga anche l'Europa ed il Mediterraneo. Quando potrebbe avvenire? Non subito, diciamo con gradualità.

La fine del dicembre potrebbe essere caratterizzata da una progressiva affermazione del flusso zonale atlantico anche alle nostre latitudini, con occasione per il passaggio di perturbazioni e dunque per nevicate sulle nostre montagne. Dagli ultimi giorni dell'anno potrebbe anche fare più freddo.

Anche la prima decade del gennaio, in un contesto relativamente freddo, potrebbe regalarci tanta variabilità atlantica con anche qualche nevicata a bassa quota non solo sulle Alpi e sugli Appennini, ma magari al settentrione.

Nella seconda e terza decade del gennaio dovrebbero essere esaltati gli affondi meridiani, con masse gelide dirette verso sud e possibili ciclogenesi mediterranee, con occasione anche per nevicate in pianura.

Dopo una temporanea pausa nella prima decade, anche febbraio potrebbe seguire la stessa sorte, specie nella seconda e terza decade, trascinandosi dietro anche marzo, che potrebbe risultare molto instabile e più freddo del normale.

Gli affondi freddi arriverebbero da nord e non da est, ma il freddo, pur a folate, sarebbe comunque di ottima qualità.

Cosa provocherebbe un tale rientro a condizioni stagionali quasi normali dopo l'anticiclone Monstrum?
Risulterebbero determinanti le fasi del MJO  (Madden Julian Oscillation) e una parziale negatività dell'indice NAO. 
Seguite comunque tutti gli aggiornamenti!
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum