Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 22 Febbraio 5 - 35 cm Aperti
Abetone(PT) 22 Febbraio 20 - 50 cm Aperti
Adelboden 22 Febbraio 24 - 65 cm Aperti
Airolo 22 Febbraio 10 - 150 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 19 Febbraio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 22 Febbraio 10 - 190 cm Aperti
Alleghe(BL) 22 Febbraio 30 - 80 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 22 Febbraio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Febbraio 10 - 50 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 22 Febbraio 7 - 40 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 22 Febbraio 10 - 40 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 22 Febbraio 35 - 75 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 19 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 19 Febbraio 30 - 50 cm Aperti
Andalo(TN) 22 Febbraio 25 - 65 cm Aperti
Andermatt 22 Febbraio 30 - 215 cm Aperti
Aprica(SO) 22 Febbraio 30 - 130 cm Aperti
Arcidosso(GR) 22 Febbraio 5 - 35 cm Aperti
Argentera(CN) 22 Febbraio 55 - 200 cm Aperti
Arosa 22 Febbraio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 22 Febbraio 120 - 200 cm Aperti
Asiago(VI) 19 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 22 Febbraio 10 - 40 cm Aperti
Avoriaz 22 Febbraio 90 - 120 cm Aperti
Ayas(AO) 22 Febbraio 50 - 90 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Meteo a 7 giorni: via la siccità dal nord Italia e le Alpi si imbiancheranno a dovere!

Serie di perturbazioni pronte ad entrare sul Mediterraneo nei prossimi giorni. Si comincerà già domani (giovedì). In questi casi è sempre molto difficile star dietro alla tabella di marcia dei fronti perturbati...

In primo piano - 1 Febbraio 2017, ore 15.30

L'ultimo mese dell'inverno meteorologico (febbraio) debutta all'insegna della dinamicità atmosferica, seppure in un contesto non freddo.

Dopo un gennaio contrassegnato da correnti orientali e la porta atlantica chiusa a doppia mandata, febbraio ci riporta l'alito più mite dall'oceano.

Oltre ad un generale aumento delle temperature specie al centro-sud, le correnti occidentali cadenzano il transito di sistemi perturbati più o meno intensi che si muovono da ovest verso est sul nostro Continente.

Fino ad ora la nostra Penisola è stata interessata marginalmente da questo flusso; a partire dalla giornata di domani (giovedì) l'Atlantico inizierà a fare sul serio, inviando una serie di sistemi frontali organizzati che risolveranno almeno in parte il problema del ricarico idrico al settentrione.

Anche le Alpi potranno finalmente gioire, mettendo un abito decisamente più consono alla stagione in corso.

La prima perturbazione di un certo interesse transiterà sull'Italia nella giornata di venerdì 3 febbraio, interessando in modo particolare il nord e le regioni del versante tirrenico. Una seconda perturbazione arriverà a stretto giro nella giornata di sabato con nuovi episodi di maltempo sempre più probabili al nord e al centro.

Dopo una breve pausa con tempo variabile che si esplicherà domenica 5, tra lunedì 6 e martedì 7 febbraio ecco sopraggiungere di gran carriera un nuovo elemento perturbato dall'Atlantico (seconda mappa).

Il sistema tenderà ad invorticarsi nel Mediterraneo dando luogo ad una depressione tra la Corsica e il Mar Ligure, in movimento verso sud est nella giornata di martedì 7 febbraio.

E il freddo? Niente paura...potrebbe farsi vivo attorno alla metà della settimana prossima soprattutto al nord e lungo il versante adriatico.

In questo frangente ci sarà da monitorare una vasta massa di gelo (terza mappa) che secondo le elaborazioni odierne potrebbe prendere la via delle alte latitudini.

L'Italia verrebbe interessata in maniera marginale, mentre il grosso dell'avvezione gelida potrebbe prediligere la Penisola Scandinava e il Baltico.

Di questa situazione se ne occuperà diffusamente la rubrica Fantameteo. Per il momento ecco la tendenza del tempo fino a mercoledì 8 febbraio.

Giovedì 2 febbraio: piogge sparse al nord, Toscana, Umbria e alto Lazio. Neve sulle Alpi sopra i 1200-1400 metri. Asciutto con schiarite su Sardegna, Adriatico e meridione ad eccezione della Campania che riceverà qualche rovescio.

Venerdì 3 febbraio: maltempo al nord e sul medio-alto Tirreno. Piogge e rovesci sparsi in un contesto molto umido. Neve sulle Alpi sopra i 900-1200 metri, probabilmente asciutto sulle regioni estreme e sul medio-basso Adriatico.

Sabato 4 febbraio: instabile o perturbato ovunque con precipitazioni anche a carattere di rovescio, neve sulle Alpi sopra gli 800-1000 metri. Pause asciutte solo sulle regioni estreme.

Domenica 5 febbraio variabilità con qualche pioggia nelle zone interne del centro, ventoso e non freddo.

Tra lunedì 6 e martedì 7 febbraio nuovo ed intenso peggioramento sull'Italia con i fenomeni più significativi in transito da nord a sud. Quota neve in calo sulle Alpi.

Mercoledì 8 febbraio ultime piogge al sud, per il resto tregua, ma più freddo al nord e lungo il versante adriatico.

Se metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook riceverai i nostri aggiornamenti meteo direttamente sulla tua bacheca di Facebook e potrai interagire con tutti gli altri nostri fan: https://www.facebook.com/MeteoLive 

 

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.03: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Faenza (Km. 64,5) e Forli' (Km. 81,6) in direzione Ancona dall..…

h 00.59: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Faenza (Km. 64,5) e Forli' (Km. 81,6) in direzione Ancona dall..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum