Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 27 Febbraio 0 - 30 cm Chiusi
Abetone(PT) 27 Febbraio 20 - 40 cm Aperti
Adelboden 27 Febbraio 16 - 70 cm Aperti
Airolo 27 Febbraio 10 - 100 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 24 Febbraio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 24 Febbraio 10 - 190 cm Aperti
Alleghe(BL) 27 Febbraio 30 - 80 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 24 Febbraio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 24 Febbraio 10 - 50 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 27 Febbraio 7 - 43 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 27 Febbraio 10 - 35 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 27 Febbraio 35 - 75 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 25 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 24 Febbraio 30 - 50 cm Aperti
Andalo(TN) 24 Febbraio 25 - 65 cm Aperti
Andermatt 27 Febbraio 30 - 215 cm Aperti
Aprica(SO) 27 Febbraio 30 - 130 cm Aperti
Arcidosso(GR) 27 Febbraio 0 - 30 cm Chiusi
Argentera(CN) 27 Febbraio 50 - 200 cm Aperti
Arosa 27 Febbraio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 24 Febbraio 120 - 200 cm Aperti
Asiago(VI) 25 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 24 Febbraio 10 - 40 cm Aperti
Avoriaz 27 Febbraio 90 - 120 cm Aperti
Ayas(AO) 24 Febbraio 50 - 90 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

MALTEMPO: ecco dove PIOVE con le correnti da OVEST...

Quando le perturbazioni sono comandate da correnti occidentali, in Italia la pioggia arriva...ma non per tutti.

In primo piano - 4 Gennaio 2016, ore 08.53

Quando si parla di correnti occidentali, spesso si intende una sorta di nastro trasportatore dei sistemi nuvolosi che dal vicino Atlantico si muove verso l’Europa. Questo può essere più o meno teso a seconda dell’intensità della corrente a getto che veicola le masse d’aria dall’Oceano verso levante. S

Se la corrente non risulta particolarmente veloce il flusso presenta maggiori ondulazioni e le perturbazioni sono ospitate in autentici cavi d’onda che traslano verso levante con velocità piuttosto bassa.

Quando sull’Italia si presentano perturbazioni di questo tipo, la pioggia cade su quasi tutto il nostro Paese ad iniziare dalle regioni settentrionali. Le correnti risultano occidentali solo ad alta quota mentre a media quota prevalgono correnti in genere meridionali. Se al transito del fronte si associa la formazione di un minimo di pressione secondario sul Tirreno, le precipitazioni possono persistere più a lungo, con tutte le conseguenze del caso.

In alcuni casi la corrente a getto portante, invece di presentare ondulazioni, può scorrere quasi rettilinea e ospitare le perturbazioni in cavi d’onda poco accentuati. In questo caso non si ha quasi mai l’insorgenza di correnti meridionali a media quota, ma i venti si presentano orientati secondo il getto in quota, ovvero da W verso E.

Se l’Italia viene interessata da una perturbazione a scarsa penetrazione, la presenza dei rilievi gioca un ruolo molto importante a causa dei contrasti poco accesi. Le zone che riceveranno i maggiori accumuli di pioggia e/o di neve saranno quelle maggiormente esposte al flusso da ovest, ovvero quelle con i rilievi posti più ad est.

Ecco nel dettaglio le zone del nostro Paese maggiormente esposte alle correnti da W a media quota.

NORD I settori alpini di confine con la Francia. Su queste zone si possono avere notevoli cumulate nevose se il flusso persiste. L’alto Piemonte, l’alta Lombardia e le Alpi Carniche: su queste zone gli accumuli piovosi o nevosi, comunque, non sono mai elevati. La Liguria orientale, soprattutto lo spezzino: anche in questo caso si tratta principalmente di piogge discontinue, che non danno grossi accumuli. L’est della Lombardia e il Veneto: qui le precipitazioni risultano molto deboli e a carattere di pioviggine, con cielo spesso brumoso.

CENTRO La Toscana in primis. Questa è la regione che più di tutte è soggetta a piogge in caso di correnti da W. Nel periodo autunnale tali correnti possono causare anche nubifragi sulle coste della Versilia fino al Livornese. Il Lazio, soprattutto la parte settentrionale ed interna: anche su questa regione le piogge possono essere di una certa intensità, accompagnate anche da rovesci. L’Umbria: su questa regione prevalgono piogge in genere moderate, concentrate soprattutto in prossimità della dorsale appenninica. Le precipitazioni sono spesso accompagnate da vento forte da SW. La Sardegna nord-occidentale: qui non si hanno mai grandi accumuli, ma le piogge possono essere presenti, accompagnate da forti venti da NW.

SUD La Campania: in caso di correnti da W la regione è battuta da piogge anche di una certa consistenza ed intensità, soprattutto nelle zone di Caserta ed Avellino. La Calabria tirrenica, soprattutto le zone a ridosso della Catena Costiera: qui si possono avere rovesci alternati a pause, anche se gli accumuli non sono molto elevati. In tutte le altre regioni non citate, le piogge o non si manifestano, oppure si presentano con accumuli irrisori.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 23.37: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Marotta-Mondolfo (Km. 187,9) e Senigallia (Km. 194,5) in direzi..…

h 23.28: A12 Genova-Rosignano

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Allacciamento A7 Milano-Genova e Sestri Levante (Km. 48,7) in ent..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum