Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 19 Gennaio 10 - 30 cm Aperti
Abetone(PT) 19 Gennaio 50 - 70 cm Aperti
Adelboden 19 Gennaio 40 - 70 cm Aperti
Airolo 19 Gennaio 10 - 40 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 12 Gennaio 5 - 10 cm Chiusi
Alagna Valsesia(VC) 19 Gennaio 15 - 180 cm Aperti
Alleghe(BL) 19 Gennaio 2 - 45 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 19 Gennaio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 19 Gennaio 1 - 4 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 19 Gennaio 20 - 10 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 19 Gennaio 25 - 50 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 19 Gennaio 30 - 40 cm Aperti
Andalo(TN) 19 Gennaio 5 - 20 cm Aperti
Andermatt 19 Gennaio 40 - 130 cm Aperti
Aprica(SO) 19 Gennaio 25 - 45 cm Aperti
Arcidosso(GR) 19 Gennaio 10 - 30 cm Aperti
Argentera(CN) 16 Gennaio 35 - 120 cm Aperti
Arosa 19 Gennaio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 19 Gennaio 50 - 90 cm Aperti
Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 17 Gennaio 10 - 15 cm Aperti
Avoriaz 19 Gennaio 80 - 90 cm Aperti
Ayas(AO) 19 Gennaio 35 - 80 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

LUNGO TERMINE; ancora molta incertezza ma qualche parola possiamo già spenderla

Considerazioni sul passato, sul presente e sul futuro; cosa dovremo aspettarci a questo punto della stagione? Verrà seguita la via dell'instabilità o la via dell'anticiclone?

In primo piano - 11 Febbraio 2016, ore 17.30

Con questo articolo intendiamo tracciare, seppur approssimativamente, una linea di tendenza relativa alla terza ed ultima decade di febbraio. Lungi dal voler entrare nel dettaglio, proveremo ad inquadrare la situazione futura facendo alcune considerazioni in merito alla circolazione atmosferica che ci ha interessati nel passato e quella prevista nei giorni a venire.

In queste ultime due settimane abbiamo assistito ad una graduale, costante crescita dell'azione di disturbo a carico del Vortice Polare, ne usciamo quindi reduci da un periodo nel quale lo stesso vortice, dopo i disturbi avvenuti nel mese di gennaio, ha riportato alla ribalta nuovamente una situazione di grande staticità nel quale gli anticicloni erano tornati ad invadere le latitudini meridionali d'Europa e le grandi depressioni extratropicali oceaniche governavano il tempo delle latitudini settentrionali.

Il ripristino di questo pattern non ha tuttavia avuto la stessa fortuna di novembre e dicembre, in cui questo stesso disegno atmosferico era rimasto "quasi" immutato per due mensilità. L'avanzamento stagionale e la creazione dei primi warming in stratosfera, hanno gradualmente rimesso in moto le onde di calore che dalla fascia delle medie latitudini sono riuscite ad operare un'azione crescente di disturbo a carico del Vortice in troposfera.

Da qui il ribasso del famigerato Fronte Polare che in questi giorni determina un grande via vai di perturbazioni oceaniche sul nostro Paese, e non solo. L'evoluzione nell'immediato futuro, porterà con se le ferite lasciate in eredità da questa lunga parentesi d'instabilità oceanica, aprendo la strada ad una dinamica ancor più irrequieta di matrice artica. La partita arriverà quindi a svolgersi lungo i binari di una ritrovata meridianizzazione che da un lato avrà il merito di riportare la masse d'aria fredda dalle alte latitudini alla fascia delle medie e delle basse latitudini dell'emisfero, dall'altra potrebbe rendere possibili le prime, grandi invasioni d'aria mite dirette proprio alla fascia delle alte latitudini, bilanciando pertanto il gap termico ancora rilevante tra queste due grandi fascie climatiche.

L'evoluzione relativa alla terza decade di febbraio, nonostante mappe e previsioni deterministiche abbiano frequenti ripensamenti, potrebbe ancora essere influenzata dagli scambi meridiani, con conseguenze ancora tutte da valutare. In ogni caso l'ipotesi che al momento pare da scartare, rimane proprio quella di una ripresa forsennata della zonalità, la quale per motivi intrinsechi di avanzamento stagionale, trova linfa vitale nelle dinamiche caratteristiche della seconda metà dell'autunno come nella prima metà dell'inverno. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.53: Roma Viale del Tintoretto

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente nel tratto compreso tra Viale Aldo Ballarin e Via del Serafico..…

h 17.51: A19 Palermo-Catania

problema sdrucciolevole

Fondo stradale dissestato nel tratto compreso tra 8,694 km dopo Enna (Km. 119,4) e 8,339 km prima d..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum