Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La QUIETE dei nostri litorali verrà SCONVOLTA a breve...

Oltre ai temporali e al calo delle temperature, sono attese mareggiate abbastanza incisive, specie sulla Sardegna e i litorali di ponente.

In primo piano - 12 Luglio 2016, ore 11.30

Attenzione alle raffiche di vento sul mare, specie tra mercoledì e giovedì. Sono attese mareggiate sulla Sardegna e su diverse zone del litorale tirrenico.

Durante la stagione estiva, le condizioni meteorologiche sul nostro Paese favoriscono (nella maggior parte dei casi) lunghi periodi di bel tempo, accompagnati da scarsa ventilazione. La presenza di strutture anticicloniche piuttosto stabili limita l’arrivo di perturbazioni in grado di interrompere la quiete che regna nel Mediterraneo...un po' come è successo nell'ultimo periodo.

L’insolazione molto forte, unita alla mancanza di vento, determina un progressivo riscaldamento della superficie dei nostri mari che raggiungono la temperatura massima tra la fine di agosto e i primi di settembre.

All’inizio dell’estate, il sole riesce a scaldare abbastanza agevolmente solo i primi centimetri d’acqua, mentre al di sotto di essi permane uno strato ancora freddo. Con il procedere della stagione, lo spessore d’acqua interessato dall’aumento della temperatura cresce, fino a raggiungere altezze anche di qualche metro alla fine del mese di agosto.

Se il mare non avesse moto ondoso, non vi sarebbe alcun rimescolamento tra l’acqua di superficie ( più calda ) e quella di profondità ( più fredda ) e l’aumento della sua temperatura sarebbe direttamente proporzionale al riscaldamento offerto dal sole.

Tuttavia, anche nella stagione estiva, qualche perturbazione può raggiungere il Mediterraneo, attivando venti piuttosto intensi anche se solo per brevi periodi. E' ciò che succederà tra mercoledì e venerdì

L’aumento del moto ondoso crea maggiore rimescolamento nella massa d’acqua; in sostanza le acque di superficie si mescolano con quelle profonde, determinando un calo di temperatura sui settori superficiali. Di conseguenza, se si misura la temperatura della superficie di uno specchio di mare dopo una mareggiata e la si confronta con i valori registrati prima dell’evento perturbatore, si nota una loro diminuzione di qualche grado.

D’altro canto, se si analizza la temperatura di tutta la colonna d’acqua, fino a 4-5 metri di profondità, ci si accorge di una maggiore uniformità dei valori; in sostanza scompare la grossa differenza termica tra superficie e profondità che vi era prima della mareggiata, a scapito di una temperatura quasi costante.  Da ciò si evince che il moto ondoso determina un’azione di livellamento termico tra la superficie e la colonna d’acqua immediatamente posta al sotto di essa. Se in superficie la temperatura diminuisce, poco al di sotto aumenta o rimane costante.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.36: A1 Roma-Napoli

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Capua (Km. 719,8) e Santa Maria Capua Vetere in direzione Napol..…

h 04.26: A1 Roma-Napoli

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Capua (Km. 719,8) e Santa Maria Capua Vetere in direzione Napol..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum