Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 04 Maggio n/d Chiusi
Abetone(PT) 04 Maggio n/d Chiusi
Adelboden 31 Maggio - assente - Chiusi
Airolo 31 Marzo n/d Chiusi
Ala di Stura(TO) 04 Aprile n/d Chiusi
Alagna Valsesia(VC) 18 Aprile n/d Chiusi
Alleghe(BL) 28 Luglio n/d Aperti
Alpe Cermis(TN) 11 Aprile n/d Chiusi
Alpe di Mera(VC) 04 Aprile n/d Chiusi
Alpe di Siusi(BZ) 28 Luglio n/d Aperti
Alta Badia(BZ) 04 Maggio n/d Chiusi
Alta Pusteria(BZ) 23 Giugno n/d Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 23 Aprile n/d Chiusi
Altopiano di Vezzena(TN) 04 Aprile n/d Chiusi
Andalo(TN) 18 Aprile n/d Chiusi
Andermatt 13 Maggio n/d Chiusi
Aprica(SO) 15 Aprile n/d Chiusi
Arcidosso(GR) 04 Maggio n/d Chiusi
Argentera(CN) 12 Aprile n/d Chiusi
Arosa 31 Maggio - assente - Chiusi
Artesina(CN) 11 Aprile n/d Chiusi
Asiago(VI) 23 Aprile n/d Chiusi
Auronzo di Cadore(BL) 04 Aprile n/d Chiusi
Avoriaz 25 Aprile n/d Chiusi
Ayas(AO) 04 Aprile n/d Chiusi
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La nevicata del febbraio 1991...a PARMA!

Dolci ricordi di un nivofilo di mezza età: la nevicata del febbraio '91! Uno squarcio di un mondo perduto. Quando l'inverno faceva sul serio...

In primo piano - 17 Febbraio 2016, ore 11.34

Poco dopo mezzodì, quando il treno mi deposita alla stazione milanese di Porta Garibaldi a Milano, il vento taglia la faccia. Il cielo è limpido, terso, il sole splende alto incontrastato, ma la gelida tramontana morde le carni. Malgrado il sole, la temperatura permane sotto lo zero.

Sto frequentando l’impegnativo triennio del Dottorato di Ricerca presso l’università Bocconi di Milano e gli incontri sono sempre più ravvicinati. Sì, fa freddo ma quell’atmosfera luminosa è un pugno in faccia per la sensibilità di un nivofilo. Che rabbia! La prima parte della stagione fredda è stata sicuramente deludente. 

Tra la fine di gennaio e i primi di febbraio prende avvio una serie di giorni di ghiaccio. Il sonnolento Generale si dà finalmente una mossa e passa all’offensiva. Ma torniamo a Milano, in via Sarfatti. Attorno alle 15 la conferenza ha inizio. Sono distratto e ho la testa altrove. Alle 18 sono pronto a salire sul treno che, dalla Stazione Centrale, mi riporterà a casa, a PARMA. 

Arrivo in città verso l’ora di cena. Mi trascino stancamente verso l’uscita. Attraverso la sala d’attesa della stazione. Lo sento. Il sibilo del vento reca in grembo le voci sofferenti di quanti vivono ai margini. E’ strano, ma proprio qui mi giunge più nitida, più forte la loro silente invocazione di aiuto. Ovunque squallore. Mura imbrattate, scritte oscene, cartacce. Macerie di speranza. Relitti di vite vissute.

I treni, gelida metafora di una vita che scorre inesorabile. Sulle banchine un flusso incessante. Chi arriva, impaziente di immergersi nel magma tumultuoso della realtà.

A quei tempi non esisteva ancora Internet e i frenetici balletti modellistici non turbavano ancora le nostre esistenze. NÈ inglese, nÈ americano, nÈ…indocinese, esisteva un solo infallibile modello: l’FDF, il modello “fuori dalla finestra”! Mai fallito una sola volta! Mi sono perso pure le previsioni del colonnello Baroni su Raiuno e, quindi, me ne vado a letto tranquillo.

E mi abbandono sereno alle braccia di Morfeo. Il mattino seguente mi sveglio e avverto qualcosa di insolito. Rumori attutiti, ovattati. E uno strano silenzio. Un presagio. Apro la finestra e appare l’incanto. I tetti, le strade, i giardini, tutta la città è ostaggio del bianco! Durante la notte la neve ha attecchito ovunque, persino sui muri e sui davanzali delle finestre appena sopra un calorifero che sta andando al massimo! Osservo l’immacolato tappeto.

E’ fine, asciutto, polveroso, si contano i granelli di ghiaccio! Nessuna concessione…idrica! Nulla si scioglie, nulla sgocciola importunamente, neppure accanto alle fonti di calore! Solo neve e ghiaccio. L’apoteosi. La Dama ha indossato il vestito più bello. Quello della festa. Il candore ha l’integrità e la solidità del marmo. Mi riferiscono cha ha iniziato a nevicare attorno alle 2 di notte e ancora continua con ottima lena. Spira uno sferzante vento gelido, una vera e propria bufera. E fa molto freddo.

I dati ufficiali di Tv Parma comunicheranno, per quel giorno, una minima di – 7.8 e una massima di – 5! Cinque gradi sotto zero di massima! Cinque gradi sottozero nelle ore più calde non è certo cosa frequente alle nostre latitudini. La nevicata si protrae fin verso le 17, poi va cessando ma permane un gran freddo. Forse anche per il rasserenamento del cielo e per l’effetto albedo, la minima del mattino dopo scende a – 11.4!

Il 7 febbraio è uno spettacolo: il cielo ha una meravigliosa tonalità rosa tenue, tra il bianco latte, il madreperlaceo e il rosa pallido: mi ricorda i fiabeschi cieli scandinavi. Già alle 9 del mattino riprende a scendere qualche rado, leggerissimo fiocco e così fino all’ora di pranzo. La temperatura massima si ferma a – 4.1! Dopo le 13 si scatena una autentica bufera: nevica forte, a tratti fortissimo! Vorticosa e incessante, la nevicata si protrae per tutta la sera, la notte e fino alle 9.15 del mattino successivo.

Il mattino dell’8 febbraio, quando mi reco come il solito a prendere il cappuccino si cammina con i moon boot. Imponenti muraglie bianche, alte quanto una persona, fiancheggiano tutta la strada e anche sulla carreggiata (dove transitano a passo d’uomo pochissimi veicoli) non esiste alcuna disgustosa poltiglia grigiastra, alcun accenno di neve sciolta, alcuna seppur minima pozzanghera, ma la neve pressata è sana, solida e ha la consistenza del granito. Alla faccia delle diavolerie del Piano Neve! 

La temperatura oscilla tra i – 6 e gli zero gradi. E non è finita. In serata, tra le 22 e le 23.30 si scatena una nuova bufera e cadono altri centimetri di neve, che vanno ad accumularsi sullo spesso candido manto. Durante la mattina del 9 febbraio il cielo è ancora coperto e, tra le 10 e le 11, scendono altri fiocchettini gelati, poi solo qualche rado fiocco fino al pomeriggio, quando riprende a nevicare con lena. Purtroppo, malgrado la temperatura al suolo ancora rigida (- 5.2; 0.5), sale la temperatura in quota e il gelicidio è assicurato.

La neve si trasforma in una insidiosissima pioggia ghiacciata che va a cumularsi sullo strato preesistente. Basta un lieve calo delle temperature in quota e già dalla notte riprende a nevicare copiosamente. Ma ormai lo scirocco si avvia a compiere il suo sporco lavoro. La neve si trasformerà in una pioggerellina sottile. L’incanto è svanito.

Ci sarà ancora il tempo per una bella nevicata il 12 febbraio – dal mattino fino al tardo pomeriggio – grazie ad una temperatura ancora favorevole (- 4.9; 0.4: una temperatura per cui oggidì sottoscriveremmo con il sangue!). Ma ormai il grande evento è alla fine. All’indomani la Gazza traccia il bilancio della nevicata: 6 giorni nevosi per complessivi 35 cm di neve (in pieno centro), una stima per difetto, credo. Siamo ormai alla metà di febbraio e il nivofilo deve mettersi il cuore in pace. Tutto finito? Macchè!

Con grande sorpresa, la Dama tornerà a farci visita tra la sera del 17 e il mattino del 18…aprile! In città, sarà la terza nevicata più tardiva della storia, almeno da quando sono disponibili rilevazioni statistiche ufficiali: superata soltanto dal 27 aprile 1817 e dal 27 aprile 1873.

Ma questa è un’altra storia, una storia che magari racconterò in una prossima puntata. Considerazione finale del nivofilo: personalmente, colloco la nevicata del febbraio 1991, alla pari di quella del gennaio 1979, sul podio di quelle più belle mai viste in città (la mia esperienza diretta va dal marzo 1976 ad oggi), dietro soltanto al mitico gennaio 1985 e, forse, alla bianca apoteosi (10 giorni nevosi) del febbraio 1986.

De gustibus…La frase è assai abusata, ma quanto mai indicata anche in questo caso: erano davvero altri tempi! Imponente retrogressione fredda, anzi gelida, da est, con alcuni giorni sereni ma di ghiaccio, successiva, copiosa perturbazione atlantica e nevicata da cuscino da manuale.

Bei tempi! Quanta nostalgia… Claudio Bargelli


Autore : Claudio Bargelli, adattamento e riduzione Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.24: A1 Firenze-Roma

blocco coda

Code causa tratto chiuso tra Magliano Sabina (Km. 501,6) e Ponzano Romano-Soratte (Km. 516) in di..…

h 03.11: A25 Torano-Pescara

blocco

Impianto di distribuzione carburante chiuso a A. di servizio Brecciarola (Km. 174,9) in direzione..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum