Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La fase instabile/perturbata tra sabato 6 e domenica 7 febbraio diviene sempre più probabile

Giungono continue conferme circa l'avvento di una intensa perturbazione oceanica sull'Italia e sull'Europa entro il primo weekend di febbraio. Vediamo le ultime novità che emergono dalla previsione attuale.

In primo piano - 1 Febbraio 2016, ore 17.30

Scendiamo ormai sotto il range delle 150 ore e la previsione circa l'intenso passaggio perturbato atteso sull'Italia dal prossimo fine settimana, diventa ormai una tendenza da considerare probabile. Trattasi a tutti gli effetti di un graduale ribasso del famigerato Fronte Polare che determinerà un'ingerenza fredda ed instabile portata da masse d'aria di origine polare marittima.

Al momento la linea di tendenza più accreditata, mette in risalto due sistemi frontali interessare il bacino del Mediterraneo entro i prossimi 10-14 giorni. La prima di queste perturbazioni è atteso sul nostro Paese tra mercoledì 3 e giovedì 4 febbraio; prevediamo rovesci di pioggia in marcia da nord-ovest verso sud-est, con una maggiore insistenza dei fenomeni sul versante adriatico dello stivale. Questa prima perturbazione introdurrà sul Mediterraneo un piccolo "pacchetto" d'aria più fresca/fredda di origine polare, atteso pertanto un moderato calo delle temperature che, entro venerdì 5 febbraio, avrà conquistato tutto il Paese. 

Seguirà l'ingresso di una nuova e più intensa perturbazione che riguarderà in modo diretto i settori centrali ed occidentali d'Europa nel periodo compreso tra sabato 6 e domenica 7 febbraio. La situazione sinottica generale contemplerà la presenza di una vistosa saccatura con annesso un sistema frontale ben organizzato; fronte caldo e fronte freddo si contenderanno il proprio spazio sul Mediterraneo.

Ne conseguirà una parentesi abbastanza importante di tempo PERTURBATO, nella quale l'Italia e più in generale il bacino centrale del Mediterraneo, sperimenteranno dapprima gli effetti del fronte caldo che si manifesterà attraverso un'imponente risalita d'aria caldo-umida veicolata da venti sciroccali. Questo step ci riguarderà tra la serata di venerdì 5 e tutta la giornata di sabato 6 febbraio. Le precipitazioni più copiose attese lungo i versanti tirrenici, meno esposto il lato adriatico. 

Domenica 7 e lunedì 8 attesa un'azione instabile portata dall'aria fredda di origine polare-marittima che farà breccia sul nostro Paese apportando un calo moderato della temperatura più avvertibile soprattutto alle quote superiori.

Seguirebbero poi ulteriori passaggi instabili anche nei giorni successivi, con effetti che andranno valutati dettagliatamente a seconda del profilo dei venti alle diverse quote atmosferiche. 

Seguite gli aggiornamenti. 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 09.50: A7 Milano-Genova

coda rallentamento

Code causa traffico intenso tra Barriera Di Milano (Km. 4,8) e Allacciamento Tangenziale Ovest Di M..…

h 09.48: A4 Brescia-Padova

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Peschiera (Km. 261,2) in uscita in direzione Padova…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum