Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 04 Maggio n/d Chiusi
Abetone(PT) 04 Maggio n/d Chiusi
Adelboden 31 Maggio - assente - Chiusi
Airolo 31 Marzo n/d Chiusi
Ala di Stura(TO) 04 Aprile n/d Chiusi
Alagna Valsesia(VC) 18 Aprile n/d Chiusi
Alleghe(BL) 23 Luglio n/d Aperti
Alpe Cermis(TN) 11 Aprile n/d Chiusi
Alpe di Mera(VC) 04 Aprile n/d Chiusi
Alpe di Siusi(BZ) 23 Luglio n/d Aperti
Alta Badia(BZ) 04 Maggio n/d Chiusi
Alta Pusteria(BZ) 23 Giugno n/d Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 23 Aprile n/d Chiusi
Altopiano di Vezzena(TN) 04 Aprile n/d Chiusi
Andalo(TN) 18 Aprile n/d Chiusi
Andermatt 13 Maggio n/d Chiusi
Aprica(SO) 15 Aprile n/d Chiusi
Arcidosso(GR) 04 Maggio n/d Chiusi
Argentera(CN) 12 Aprile n/d Chiusi
Arosa 31 Maggio - assente - Chiusi
Artesina(CN) 11 Aprile n/d Chiusi
Asiago(VI) 23 Aprile n/d Chiusi
Auronzo di Cadore(BL) 04 Aprile n/d Chiusi
Avoriaz 25 Aprile n/d Chiusi
Ayas(AO) 04 Aprile n/d Chiusi
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'ultima grande overture anticiclonica in arrivo sul nostro Paese

Uno sguardo alle condizioni atmosferiche attese tra la fine di gennaio e l'esordio di febbraio; su quali aree del Paese si farà sentire maggiormente il surriscaldamento della temperatura portato dall'anticiclone?

In primo piano - 29 Gennaio 2016, ore 17.05

Impegnati a descrivere quelle che potrebbero essere le manovre dell'atmosfera attese nella prima decade di febbaio, con un possibile ritorno della NEVE a bassa quota sulle regioni settentrionali, quasi ci stiamo "dimenticando" dell'anticiclone previsto sul Mediterraneo entro le prossime 72 ore che porterà valori termici di tutto rispetto! Una vistosa figura di alta pressione prenderà ben presto il sopravvento su tutta l'area europea centrale ed occidentale, coinvolgendo anche il nostro Paese soprattutto nella giornata di lunedì primo febbraio.

Una massa d'aria estremamente mite di origine oceanica, verrà trascinata senza troppi indugi a ridosso del nostro Paese, passando dapprima per la Francia ed il Golfo di Biscaglia. Trattasi come detto di una massa d'aria estremamenrte mite per il periodo in questione, avendo quest'ultima, origine subtropicale oceanica e pertanto conservando una straordinaria mitezza anche nel cuore dell'inverno.

Dopo essere sopraggiunta nella giornata di domenica 31 gennaio a ridosso dell'arco alpino (lato francese), il rinforzo dell'anticiclone sull'Europa occidentale, determinerà una rotazione del vento dai quadranti nord-occidentali ai medi ed alti livelli dell'atmosfera, ne deriverà l'innesco di un'episodio favonico sui versanti meridionali delle Alpi.

Ora, siccome già in partenza la massa d'aria sarà caratterizzata da temperature estremamente miti, l'ulteriore surriscaldamento impresso dalla compressione adiabatica che la massa d'aria subirà nel momento in cui quest'ultima varcherà l'arco alpino, porterà ad un'ulteriore rialzo delle temperature che si manifesterà proprio sul versante italiano. La Valpadana con particolare riferimento alle regioni Piemonte e Lombardia, sperimenteranno il surriscaldamento più deciso della temperatura che sarà in grado di estendersi anche al suolo, con temperature localmente superiori ai +20°C.

Le nubi di tipo basso persisteranno invece lungo i versanti tirrenici, manifestandosi comunque un po' meno intensi e compatti rispetto alla situazione attuale. La persistenza di questa nuvolosità sarà determinata dalla formazione di un minimo orografico di bassa pressione in sede ligure/alto tirrenica, il Favonio tiepido e mite scorrerà alle quote superiori, senza riuscire ad invadere le coste della Liguria e della Toscana.

In questo caso sarà sufficiente portarsi sui rilievi oltre i 1000 metri di quota per ritrovare una splendida (e mite) giornata di sole.

La parentesi anticiclonica avrà comunque una durata molto breve, già con l'arrivo di martedì 2 febbraio, assisteremo ad una nuova rotazione del vento dai quadranti meridionali anche alle medie ed alte quote atmosferiche, la "bolla" anticiclonica si trasferirà rapidamente verso il Mediterraneo orientale. Sull'ovest Europa e sul Mediterraneo occidentale, verranno poste le basi per la creazione di quel primo cambiamento del tempo in chiave instabile e più fredda atteso già entro giovedì 4 febbraio. 

Seguite tutte le news. 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.38: Roma Via di Boccea

incidente

Incidente sulla Via Federico Galeotti…

h 10.35: A24 Roma-Teramo

incidente

Incidente tra Allacciamento A25 Torano-Pescara (Km. 72) e Valle Del Salto (Km. 75,2) in direzione..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum