Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Abetone(PT) 21 Gennaio 50 - 70 cm Aperti
Adelboden 22 Gennaio 34 - 70 cm Aperti
Airolo 22 Gennaio 10 - 40 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 20 Gennaio 15 - 180 cm Aperti
Alleghe(BL) 22 Gennaio 2 - 45 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 20 Gennaio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 22 Gennaio 1 - 4 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 20 Gennaio 20 - 10 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 22 Gennaio 25 - 50 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 20 Gennaio 30 - 40 cm Aperti
Andalo(TN) 20 Gennaio 5 - 20 cm Aperti
Andermatt 22 Gennaio 40 - 120 cm Aperti
Aprica(SO) 22 Gennaio 25 - 45 cm Aperti
Arcidosso(GR) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Argentera(CN) 21 Gennaio 35 - 120 cm Aperti
Arosa 22 Gennaio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 21 Gennaio 40 - 80 cm Aperti
Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 17 Gennaio 10 - 15 cm Aperti
Avoriaz 22 Gennaio 80 - 90 cm Aperti
Ayas(AO) 20 Gennaio 35 - 80 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'alta pressione dei CENTO GIORNI

100 giorni di alta pressione pressoché continua sull'Italia? E' successo nell'inverno 1989-1990!

In primo piano - 22 Dicembre 2016, ore 10.12

Il "mostro anticiclonico" che tenne sotto scacco mezza Europa nel semestre freddo 1989-1990. Questa carta si riferisce al 22 febbraio 1990.

Ami il bel tempo ad oltranza? Sei una persona che non sopporta ne la pioggia ne la neve? Magari se abiti in pianura ami anche la nebbia. Bene! L'inverno 1989-1990 sarebbe stato il massimo.

A volte ci piace scherzare un po', ma la situazione che si venne a creare in quel periodo in Italia fu qualcosa di allucinante.

Dopo un mese di ottobre abbastanza piovoso, novembre ci propose i primi attacchi del freddo da nord, con la neve che raggiunse quote anche basse lungo il versante adriatico. L'alta pressione nel frattempo andava gonfiandosi sul vicino Atlantico, bloccando completamente il transito delle perturbazioni verso di noi.

Gli occhi degli appassionati (e non) erano puntati verso nord. Si attendeva la discesa di una massa fredda, con l'alta pressione a fare da spalla ad ovest, come nelle migliori "fredde" circostanze.

Niente di tutto ciò avvenne! Anzi, da un giorno all'altro il getto sull'Europa centro-settentrionale divenne fortissimo. Esso diede un bel colpo all'alta pressione, che si coricò lungo i paralleli invalidando freddo e piogge per diverso tempo.

In un primo tempo sembrava una "spanciata" anticiclonica come le altre, certamente di lunga durata, ma non da compromettere l'esito dell'intera stagione invernale in Italia.

Dopo oltre 20 giorni di completo dominio anticiclonico (non solo in Italia, ma su gran parte dell'Europa centro-orientale), frasi del tipo "prima o poi cambierà"..."deve cambiare necessariamente"..."non può durare sempre così" iniziavano ad essere pronunciate anche dai non appassionati della materia.

Natale passò senza neve, con tanta nebbia in pianura e sole splendente sui brulli rilievi. Anche il mese di gennaio scivolò senza precipitazioni degne di nota. Il mostro anticiclonico di tanto in tanto sembrava poter cedere, ma alla fine ritornava...e più forte di prima.

La qualità dell'aria era pessima. La siccità un problema assodato. Sulle pianure tanta...tanta nebbia ad inquinare ancora di più "l'inquinabile".

All'inizio di febbraio, finalmente, arrivò una perturbazione dall'Atlantico. La pioggia fu accolta a braccia aperte da tutti, cosi come la neve in montagna. L'aria si ripulì temporaneamente e la nebbia lascio spazio a cieli piu limpidi. Fu però solo un fuoco di paglia.

Esaurita questa percussione atlantica, tutto si "richiuse" ed il resto del mese trascorse nuovamente sotto l'egemonia di un vasto anticiclone.

A Torino e Pescara le temperature massime superarono i 25° a causa di un effetto favonico davvero potente. Il 22 febbraio Genova raggiunse i 23°, una sorta di record storico per il capoluogo ligure nel mese di febbraio.

E marzo? Beh, non ci crederete, ma anche marzo passo in compagnia dell'alta pressione, appena disturbata ad inizio mese da correnti più fredde da nord-ovest.

L'Italia quando ne usci? La pioggia, quella vera, arrivò al centro-nord solo nel mese di aprile, mentre il sud dovette ancora aspettare.

Ciò che abbiamo descritto fu il periodo anticiclonico più lungo in Italia nella storia recente. Oltre 100 giorni di egemonia anticiclonica assoluta, senza interferenze, una cosa al limite dell'assurdo.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.06: SS194 Ragusana

frana

Strada chiusa, frana nel tratto compreso tra 1,099 km dopo Giarratana (Km. 67,7) e 10,964 km prima..…

h 02.55: SS121 Catanese

rallentamento

Traffico rallentato, oggetti su strada nel tratto compreso tra 6,764 km dopo Bivio Per Alia (Km. 18..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum