Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Abetone(PT) 21 Gennaio 50 - 70 cm Aperti
Adelboden 22 Gennaio 34 - 70 cm Aperti
Airolo 22 Gennaio 10 - 40 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 20 Gennaio 15 - 180 cm Aperti
Alleghe(BL) 22 Gennaio 2 - 45 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 20 Gennaio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 22 Gennaio 1 - 4 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 20 Gennaio 20 - 10 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 22 Gennaio 25 - 50 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 20 Gennaio 30 - 40 cm Aperti
Andalo(TN) 20 Gennaio 5 - 20 cm Aperti
Andermatt 22 Gennaio 40 - 120 cm Aperti
Aprica(SO) 22 Gennaio 25 - 45 cm Aperti
Arcidosso(GR) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Argentera(CN) 21 Gennaio 35 - 120 cm Aperti
Arosa 22 Gennaio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 21 Gennaio 40 - 80 cm Aperti
Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 17 Gennaio 10 - 15 cm Aperti
Avoriaz 22 Gennaio 80 - 90 cm Aperti
Ayas(AO) 20 Gennaio 35 - 80 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il cambiamento dei primi di GENNAIO secondo il modello europeo

Si conferma un inizio gennaio all'insegna della maggiore dinamicità atmosferica...

In primo piano - 27 Dicembre 2016, ore 08.37

L'alta pressione di Natale inizia a perdere qualche colpo. Le prime regioni a risentire del cambiamento saranno le meridionali e parte del versante adriatico.

Tra giovedì 29 e venerdì 30 dicembre aria fredda si riverserà su questo settore italico, determinando un calo dei termometri e forse qualche nevicata a bassa quota sul meridione peninsulare.

Cambiamenti più importanti sono attesi per i primi giorni del nuovo anno. La prima mappa mostra la previsione imbastita dal modello europeo per martedì 3 gennaio.

Si nota lo spostamento dei massimi pressori in Atlantico, unitamente all'arrivo di masse d'aria fredda sull'Europa centrale e l'Italia.

Mercoledì 4 gennaio (seconda mappa), ecco il dilagare dell'aria fredda sulla nostra Penisola. Gli effetti maggiori, in termini di fenomeni, saranno nuovamente di competenza del versante adriatico e del meridione, anche se il calo termico diverrà realtà su tutto il Bel Paese.

Niente da fare, dal punto di vista fenomenologico, per le regioni settentrionali e il Tirreno. La posizione dell'alta pressione  sempre troppo ingombrante, non consentirà ai fenomeni di esplicarsi su queste regioni.

Vedremo se la prossima pulsazione si presenterà più occidentale. Solo in quel caso di avrebbe un coinvolgimento del nord e del versante tirrenico, ma almeno fino all'Epifania non se ne parla.

Se metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook riceverai i nostri aggiornamenti meteo direttamente sulla tua bacheca di Facebook e potrai interagire con tutti gli altri nostri fan: https://www.facebook.com/MeteoLive 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.06: SS194 Ragusana

frana

Strada chiusa, frana nel tratto compreso tra 1,099 km dopo Giarratana (Km. 67,7) e 10,964 km prima..…

h 02.55: SS121 Catanese

rallentamento

Traffico rallentato, oggetti su strada nel tratto compreso tra 6,764 km dopo Bivio Per Alia (Km. 18..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum