Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Confronto modelli: settimana prossima "altalenante"

Non sono molto incoraggianti le notizie che ci giungono oggi dagli elaborati, anche se qualcosa comunque si potrà vedere (in un'ottica fredda e precipitativa)

In primo piano - 3 Febbraio 2016, ore 10.00

Niente da fare. La Natura prova a sovvertire l'equilibrio, a cambiare strada senza dover seguire il solco circolatorio che da mesi condiziona lo stato del tempo sul Continente, ma non ce la fa.

I tentativi ci sono, ma i risultati sperati non arrivano quasi mai; la pioggia, la neve e il freddo sembrano perdersi per strada all'incedere degli aggiornamenti e alla fine restiamo con un pugno di mosche in mano.

Oggi ci troviamo nuovamente costretti a commentare la solita situazione, facendo la barba agli aggiornamenti sempre con un occhio guardingo verso l'alta pressione.

La giornata presa come campione per il confronto inerente al tempo della prossima settimana è mercoledì 10 febbraio.

La prima cartina ci mostra la situazione prevista dal modello americano per la giornata in parola. Niente di nuovo sotto il cielo di questo strano inverno: depressioni arroccate troppo a nord, pressione ancora troppo alta sul Mediterraneo che non consente l'ingresso dei fronti e dell'aria fredda. Solo le Alpi e l'alto Adriatico saranno lambiti da correnti relativamente fredde e da qualche fenomeno, altrove i cambiamenti saranno scarsi e poco incisivi.

Il modello europeo per il medesimo giorno vede una penetrazione dell'aria fredda più incisiva sull'Italia, ma insufficiente a portare un cambiamento deciso dello stato del tempo sulla nostra Penisola (seconda cartina a lato).

Se questa previsione diventasse realtà, si avrebbero le "solite" precipitazioni di strascico verso levante, con un moderato calo termico unito ad una maggiore ventilazione settentrionale.

Si tratterebbe in sostanza del solito episodio freddo fine a se stesso, che magari porterebbe qualche sporadica nevicata sull'Appennino centro-meridionale, ma nulla più.

Ultimo, ma non meno importante, il modello canadese, che risulta orientato sulla falsariga di quello americano.

Correnti tese da ovest, quindi aria non fredda, con successiva penetrazione da nord-ovest di un fronte perturbato verso il Mediterraneo centro-orientale.

Secondo questo elaborato, la ferita potrebbe essere più incisiva e consentire un cambiamento forse più duraturo, con freddo e nevicate anche a bassa quota attorno alla metà del mese.

Nei prossimi giorni vedremo quale ipotesi verrà seguita dagli elaborati, sperando che la stagione invernale dia cenni di ripresa.

Se metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook riceverai i nostri aggiornamenti meteo direttamente sulla tua bacheca di Facebook e potrai interagire con tutti gli altri nostri fan: https://www.facebook.com/MeteoLive 

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.19: SP251(CN) Pontechianale-Colle dell'Agnello-Confine di Stato

blocco

Strada chiusa in modo permanente per l'inverno a Colle dell'Agnello in entrambe le direzioni (ch..…

h 02.12: A23 Palmanova-Tarvisio

rallentamento

Veicoli lenti tra Barriera Di Ugovizza-Tarvisio (Km. 105,2) e Pontebba (Km. 92,4) in direzione au..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum