Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 21 Marzo 0 - 30 cm Chiusi
Abetone(PT) 25 Marzo 20 - 50 cm Aperti
Adelboden 26 Marzo 0 - 100 cm Aperti
Airolo 26 Marzo 0 - 160 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 23 Marzo 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 24 Marzo 20 - 220 cm Aperti
Alleghe(BL) 26 Marzo 30 - 80 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 23 Marzo 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 23 Marzo 10 - 50 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 26 Marzo 5 - 40 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 24 Marzo 5 - 30 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 26 Marzo 20 - 60 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 23 Marzo 0 - 30 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 23 Marzo 30 - 50 cm Aperti
Andalo(TN) 24 Marzo 5 - 90 cm Aperti
Andermatt 26 Marzo 10 - 400 cm Aperti
Aprica(SO) 25 Marzo 30 - 120 cm Aperti
Arcidosso(GR) 21 Marzo 0 - 30 cm Chiusi
Argentera(CN) 25 Marzo 35 - 160 cm Aperti
Arosa 26 Marzo 80 - 150 cm Aperti
Artesina(CN) 24 Marzo 30 - 90 cm Aperti
Asiago(VI) 23 Marzo 0 - 30 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 21 Marzo 20 - 0 cm Chiusi
Avoriaz 26 Marzo 70 - 160 cm Aperti
Ayas(AO) 24 Marzo - assente - Chiusi
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ACQUA: siamo i più spreconi d'Europa!

Il prelievo medio nel settore domestico in Italia è pari a 267 litri al giorno, il più alto in Europa, 156 in Francia e 162 in Austria. Milano e Bari occupano i posti più alti in Europa con consumi pari a 500-600 litri al giorno a testa.

In primo piano - 16 Marzo 2017, ore 11.06

In media ogni anno le precipitazioni generano un deflusso di 296 kmc. Di questo volume ben il 44%, cioè 129kmc, viene perso per evaporazione, mentre il deflusso verso i mari è pari a 12kmc l'anno.

Dunque le risorse idriche rinnovabili interne ammontano a 155kmc, pari al 52,3% del deflusso superficiale totale, aumentato del deflusso in arrivo dai Paesi confinanti sino a 166,1 kmc.

La disponibilità idrica pro-capite ammonta a circa 1930mc all'anno ma questa non è distribuita in modo equo sul territorio. Il 59.1% è infatti destinato all'Italia settentrionale, dove la disponibilità idrica pro-capite è quasi il doppio di quella del sud Italia e oltre il triplo di quella delle isole.

L'Italia in media ha una disponibilità media pro-capite doppia rispetto ad altri Paesi del settore sud del Mediterraneo (fermi a 1250mc all'anno e contemporaneamente dispone della metà dell'acqua dei paesi occidentali europei (5.183mc anno pro capite).

In Italia però è quasi impossibile capire chi spreca più acqua a causa dei prelievi abusivi e della dispersione delle competenze tra le varie istituzioni preposte al controllo della risorsa idrica.

Il volume annuo prelevato sembrerebbe rappresentare il 31% delle risorse disponibili ed è notevolmente superiore alla media europea, che si attesta su un valore di circa il 20%.

Il prelievo idrico pro-capite è il più alto in Europa (910mc l'anno) contro una media di 659 e nel bacino del Mediterraneo è paragonabile solo con l'Egitto. Il prelievo idrico varia moltissimo da regione a regione: nel nor-dest del Paese è di circa 1.975mc l'anno pro capite, uno dei più alti del mondo, mentre in Puglia è 7 volte inferiore (270).
La Puglia si è accordata per ricevere acqua dalla Campania e dalla Basilicata a causa della scarsità delle risorse.
In Italia il 60 per cento del prelievo è attribuibile al settore agricolo, il 16% se ne va per uso civile e il restante 24 va al settore industriale, inclusa anche la produzione di energia elettrica.

Negli anni particolarmente sfavorevoli il consumo del settore agricolo subisce notevoli riduzioni a favore degli altri settori con conseguenze rilevanti sull'economia. Oltretutto il valore aggiunto dell'agricoltura meridionale rappresenta il 39 per cento dell'intero settore primario nazionale ed incide per il 5,6% sul totale dell'economia delle regioni, senza contare che in termini occupazionali l'agricoltura meridionale rappresenta il 49.3% del totale degli occupati nel settore agricolo a livello nazionale.

SPRECO di RISORSE: il prelievo medio nel settore domestico in Italia è pari a 267 litri al giorno, il più alto in Europa, 156 in Francia e 162 in Austria. Milano e Bari occupano i posti più alti in Europa con consumi pari a 500-600 litri al giorno a testa.

Una parte dell'inefficienza del settore idrico si spiega con le tariffe idriche, tra le più basse in Europa. E' importante anche evidenziare il fattore inquinante del nostro patrimonio idrico che, rispetto alle acque di superficie, risulta NON inquinato solo per il 20%. Pensate poi alle discariche, ai siti industriali dismessi che rappresentano un fattore preoccupante per lo stato delle falde sotterranee.

L'Italia resta il Paese con la maggiore concentrazione di metalli tossici nei suoli. La variabilità e il cambiamento climatico rende ancora più delicata e difficile la previsione di eventi estremi, questo implica l'urgente necessità di provvedere al monitoraggio costante delle variabili che influenzano le risorse idriche.


Autore : Report di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.11: A14 Pescara-Bari

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Pescara Sud-Francavilla (Km. 392,6) e Poggio Imperiale (Km. 507)..…

h 03.57: A24 Roma-Teramo

problema

Mezzi spargisale in azione nel tratto compreso tra Assergi (Km. 116,7) e Colledara-San Gabriele (Km..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum