Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 20 Febbraio 5 - 35 cm Aperti
Abetone(PT) 20 Febbraio 20 - 50 cm Aperti
Adelboden 20 Febbraio 30 - 73 cm Aperti
Airolo 19 Febbraio - assente - Chiusi
Ala di Stura(TO) 19 Febbraio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 20 Febbraio 10 - 190 cm Aperti
Alleghe(BL) 20 Febbraio 30 - 80 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 19 Febbraio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Febbraio 10 - 50 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 20 Febbraio 7 - 40 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 20 Febbraio 10 - 40 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 20 Febbraio 35 - 75 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 19 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 19 Febbraio 30 - 50 cm Aperti
Andalo(TN) 20 Febbraio 25 - 65 cm Aperti
Andermatt 20 Febbraio 36 - 215 cm Aperti
Aprica(SO) 20 Febbraio 40 - 140 cm Aperti
Arcidosso(GR) 20 Febbraio 5 - 35 cm Aperti
Argentera(CN) 19 Febbraio 60 - 200 cm Aperti
Arosa 20 Febbraio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 20 Febbraio 120 - 200 cm Aperti
Asiago(VI) 19 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 19 Febbraio 10 - 40 cm Aperti
Avoriaz 20 Febbraio 90 - 120 cm Aperti
Ayas(AO) 20 Febbraio 50 - 90 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Meteo a 15 giorni: per il centro meteo europeo INVERNO vero entro il 10 febbraio...

Vortice polare in indebolimento e doppio affondo freddo sull'Europa, prima da nord, poi da nord-est.

Fantameteo 15gg - 25 Gennaio 2016, ore 14.59

Continua a scuotere l'ambiente della web meteo la previsione di un febbraio gelido su molte zone del Continente, Italia compresa, anche se la traiettoria settentrionale o al massimo nord-orientale delle correnti previste potrebbero relegare ancora una volta le precipitazioni più importanti sul medio Adriatico e al sud, aggravando ancor più la siccità altrove.

Almeno però ritroveremo l'inverno che, proprio nella decade statisticamente più fredda della stagione, sperimenteranno invece valori termici praticamente primaverili, sino a stimolare persino il risveglio vegetativo, agevolato dall'aumento della durata dell'insolazione diurna.

Che probabilità ci sono che l'inverno possa riscattarsi sul finire della prima decade di febbraio?
Statisticamente non così poche, nel senso che gradualmente il vortice polare in passato ha cominciato a perdere forza, il getto a rallentare, l'alta pressione ad indebolirsi e a ritrarsi un po' verso ovest; così possono cominciare le scorribande delle correnti atlantiche verso i Balcani, che sfiorano l'Italia ed introducono un po' di Maestrale e Tramontana.

In seguito (e qui siamo già a cavallo del 10 febbraio o anche oltre) le saccature si infilano nel cuore del Mediterraneo e favoriscono la formazione di depressioni con precipitazioni su gran parte del Paese e neve in quota, talvolta a bassa quota.

E sono proprio questi scenari che il centro meteo europeo ipotizza possano concretizzarsi per il periodo in oggetto: a questo però aggiunge una buona dose di freddo richiamata da nord-est, cioè dalla Russia, risucchiato proprio dalle depressioni che si scaveranno alle nostre latitudini. E qui concedeteci il beneficio del dubbio: l'attendibilità scende al 20-25%. (Non tutti i febbraio del resto possono essere un nuovo 29, un 56, un 91 o un 2012)

Il perché è presto detto: siamo e saremo di fronte sfortunatamente ad un vortice polare molto compatto, servirà davvero qualche evento "superiore", cioè indotto dai piani alti dell'atmosfera, per smuovere questo bestione e ridisegnare il quadro barico in Europa.

Dunque se è lecito essere appena relativamente ottimisti per un cambiamento del tempo intorno all'8-10 febbraio, e sarebbe già un gran successo, ancora non è lecito sbilanciarsi su quanto accadrà subito dopo, giacché in alcune stagioni per tutto febbraio e qualche volta anche per gran parte di marzo, il trenino delle correnti perturbate atlantiche si è solo parzialmente abbassato di latitudine e ha solo leggermente ondulato con brevi piogge e neve molto spesso unicamente in alta quota.

Abbiamo dunque a che fare con un osso duro...

RIASSUMENDO:
2-7 febbraio
: possibile parziale e temporaneo cambiamento del tempo solo tra giovedì 4 e domenica 7 con correnti di Maestrale e variabilità: brevi fenomeni solo su Alpi di confine e poi centro-sud. Ricambio d'aria e meno inquinamento, solo moderato calo termico. Attendibilità: 30-35%

8-11 febbraio: possibile cambiamento più incisivo con depressione nel Mediterraneo e moderato maltempo (35%) oppure ancora variabilità con fronti modesti e poche precipitazioni (40%), solita opzione anticiclonica 25%.

12-15 febbraio: freddo da nord-est con neve su molte regioni, specie adriatiche e meridionali (20-25%) almeno per ora. Altre opzioni: ancora al vaglio.
  
 

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.41: A4 Milano-Brescia

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Ponte Oglio (Km. 193) e Rovato (Km. 203,4) in entrambe le..…

h 01.38: A1 Roma-Napoli

problema

Mezzi spargisale in azione nel tratto compreso tra Pontecorvo (Km. 658,3) e Cassino (Km. 669,6) i..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum