Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abetone(PT) 04 Agosto 20 - 80 cm Chiusi
Airolo 31 Marzo n/d Chiusi
Alagna Valsesia(VC) 30 Aprile n/d Chiusi
Alleghe(BL) 01 Ottobre - assente - Chiusi
Alpe Cermis(TN) 01 Ottobre n/d Aperti
Alpe di Mera(VC) 20 Febbraio n/d Chiusi
Alpe di Siusi(BZ) 01 Ottobre n/d Aperti
Alta Badia(BZ) 01 Ottobre n/d Aperti
Alta Pusteria(BZ) 23 Giugno n/d Chiusi
Altopiano di Asiago(VI) 22 Aprile n/d Chiusi
Andalo(TN) 23 Agosto - assente - Chiusi
Andermatt 28 Settembre - assente - Chiusi
Aprica(SO) 15 Aprile n/d Chiusi
Argentera(CN) 15 Aprile n/d Chiusi
Arosa 05 Settembre n/d Aperti
Artesina(CN) 15 Aprile n/d Chiusi
Asiago(VI) 22 Aprile n/d Chiusi
Ayas(AO) 30 Marzo n/d Chiusi
Badia(BZ) 01 Ottobre n/d Aperti
Bardonecchia(TO) 17 Aprile n/d Chiusi
Barzio(LC) 08 Aprile n/d Chiusi
Bettmeralp 08 Luglio n/d Chiusi
Bolognola(MC) 02 Gennaio n/d Chiusi
Bormio(SO) 12 Aprile n/d Chiusi
Bressanone(BZ) 01 Ottobre n/d Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Senza Internet oggi la percentuale di appassionati meteo sarebbe in calo per mancanza di fenomeni

La mia passione è nata dall'osservazione ripetuta di fenomeni atmosferici importanti, ma se non li vedi quei fenomeni, o li vedi raramente, appassionarsi è molto più difficile.

Editoriali - 29 Agosto 2016, ore 15.40

Quando ero bambino le nevicate non erano in media molto più frequenti di quanto lo sono ora, ma i temporali si, erano molto più numerosi, intensi, frequenti, quasi un appuntamento giornaliero nella stagione primaverile ed estiva.

Oggi con Internet, telefonini, telecamere, ogni singolo temporale viene documentato, ma non ci si accorge che si tratta di fenomeni ben più localizzati
, ancorchè forti e localmente dannosi, rispetto al passato, non tanto sui rilievi, quanto sulle zone pianeggianti.

I tornado (o trombe d'aria), le supercelle, i temporali grandinigeni, i microburst, così come putroppo i temporali autorigeneranti alluvionali, da sempre hanno caratterizzato la storia meteorologica del nostro Paese, ma oggi questi fenomeni sembrano aumentati, perchè ripresi in modo quasi ossessivo dai media con la chiara intenzione di farne uno strumento per incrementare l'audience. In realtà sono diminuiti.

I temporali che fino agli anni 80, quando non c'era l'anticiclone africano ed era presente sul Mediterraneo centrale una sorta di palude barica quando non c'era l'azzorriano, quei temporali che si attivavano quasi ogni pomeriggio su Alpi, Valpadana ed Appennino, diventano sempre meno frequenti.

Può anche accadere che trascorra un'intera stagione senza mai assistere ad un temporale con la T maiuscola sulla propria zona.

La passione è nata così: quando d'estate in vacanza da scuola non si sapeva che fare, nel pomeriggio si aspettava il temporale, che arrivava puntualmente dalle montagne verso la pianura ed era un autentico godimento: dall'osservazione dei primi cumuli, che talvolta si originavano anche sul centro cittadino, senza andare tanto lontano, le incudini, le raffiche di vento, le cortine di pioggia, la rinfrescata e il cielo lavato. Oggi la metà dei pochi temporali che ci raggiungono, spesso non ce la fanno nemmeno a produrre 4 gocce in croce, si arenano a qualche km o si spengono. Magari fanno disastri altrove, ma sempre su aree molto localizzate. Il buio che cala con l'arrivo della shelf cloud (nube a mensola) su un territorio anche vasto, il nubifragio che arriva e persiste, si scova solo qua e là, ogni tanto. 

E' vero: la tendenza temporalesca è ciclica, anche da stagione a stagione, ma ad eccezione di qualche periodo più fortunato, il calo resta comunque evidente. Manca la materia prima: l'aria fredda in quota, mancano le situazioni favorevoli e soprattutto ci sono ormai troppi anticicloni a caratterizzare la vita delle nuove generazioni.

E' talmente evidente che oggi siamo costretti ad inseguire il temporale, per essere certi di poterci godere i momenti elettrizzanti del suo passaggio, perchè i lisci sono sempre più frequenti e le giornate assolutamente piatte sotto il profilo meteorologico altrettanto.

Se non ci fosse Internet a far provare emozioni probabilmente la percentuale di appassionati di meteorologia rispetto agli anni 70-80-90, oggi sarebbe in calo per mancanza di fenomeni; è come se in una partita di calcio si facesse un tiro in porta ogni 30 minuti, o come se in un Gran Premio ci fosse un solo sorpasso in 2 ore di gara, una vera noia...


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 14.04: A10 Genova-Ventimiglia

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Spotorno (Km. 52,7) e Pietra Ligure (Km. 67,7) in direzione..…

h 13.48: A22 Autostrada Del Brennero

coda rallentamento

Code per 2 km causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Di Brennero (Km. 1,5) e Vipi..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum