Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 21 Febbraio 5 - 35 cm Aperti
Abetone(PT) 21 Febbraio 20 - 50 cm Aperti
Adelboden 21 Febbraio 30 - 74 cm Aperti
Airolo 21 Febbraio 10 - 150 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 19 Febbraio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 20 Febbraio 10 - 190 cm Aperti
Alleghe(BL) 21 Febbraio 30 - 80 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 19 Febbraio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Febbraio 10 - 50 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 21 Febbraio 7 - 40 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 21 Febbraio 10 - 40 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 21 Febbraio 35 - 75 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 19 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 19 Febbraio 30 - 50 cm Aperti
Andalo(TN) 20 Febbraio 25 - 65 cm Aperti
Andermatt 21 Febbraio 36 - 215 cm Aperti
Aprica(SO) 21 Febbraio 30 - 130 cm Aperti
Arcidosso(GR) 21 Febbraio 5 - 35 cm Aperti
Argentera(CN) 21 Febbraio 55 - 200 cm Aperti
Arosa 21 Febbraio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 20 Febbraio 120 - 200 cm Aperti
Asiago(VI) 19 Febbraio 0 - 70 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 19 Febbraio 10 - 40 cm Aperti
Avoriaz 20 Febbraio 90 - 120 cm Aperti
Ayas(AO) 20 Febbraio 50 - 90 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

CAMPI FLEGREI: l'alba di una nuova eruzione?

Cerchiamo di fare un po' di chiarezza circa l'incremento dell'attività vulcanica secondaria che ormai da diverso tempo si manifesta nella zona dei Campi flegrei (Napoli).

Editoriali - 13 Febbraio 2017, ore 16.20

Il complesso sistema di caldere che vanno a costituire l'area vulcanica nella zona dei Campi Flegrei (Napoli), tende a sollevarsi di alcuni centimetri l'anno, secondo un processo ben conosciuto con il nome di “bradisismo”. Abbiamo inoltre un incremento dell'attività vulcanica cosiddetta “secondaria”, attraverso una variazione nel chimichismo dei gas espulsi dalla fumarole ed un aumento di temperatura all'interno della solfatara, una delle aree più attive.

Occorre ricordare come questo complesso sia a tutti gli effetti considerato un “supervulcano”; profondamente diverso dalle caratteristiche morfologiche proprie dei complessi vulcanici ordinari, ritroviamo qui un sistema di caldere sprofondate e collassate che sono venute a crearsi nel corso delle potenti eruzioni del passato, nelle quali sono state espulse ingenti quantità di materiale piroclastico. Volgendo lo sguardo all'altra parte del globo, il vastissimo complesso di caldere nel parco dello Yellowstone, Stati Uniti, rientra anch'esso nella ristretta cerchia dei super vulcani. Quest'ultimo è ormai entrato a pieno merito all'interno di una lunghissima fase di quiescenza che si protrae ormai da diversi millenni.

Un discorso a parte merita l'area dei campi flegrei, inserita in un contesto geologico assai più attivo; su quest'area l'ultima eruzione risale al 1538 e rappresenta quest'oggi, assieme al complesso vesuviano, una delle aree a rischio vulcanico più elevato. Non esistono ad oggi protocolli affidabili che possano stabilire quali conseguenze porterebbe sul territorio l'eruzione portata da un super vulcano, specialmente su questo territorio che vanta una elevata densità demografica, come accade nel vasto comprensorio di Napoli.

Gli unici scenari ipotizzabili che però rimangono del tutto ipotetici e sperimentali, sono stati basati sullo studio dei sedimenti piroclastici depositati nelle eruzioni del lontano passato, eventi che hanno permesso di stabilire una distanza massima che potrebbe essere raggiunto dalla colata piroclastica sul territorio limitrofo alla zona di eruzione. 

A partire dal 2005 in avanti, i Campi Flegrei sono nuovamente in sollevamento, un fatto che ha portato nel 2012 a decretare una variazione nello stato di attività da verde (quiescente) a giallo (attenzione scientifica). In quest'ultimo periodo sono stati infatti rilevati degni di depressurizzazione del magma che possono in parte spiegare l'accelerazione nelle deformazioni del suolo, il recente aumento dei terremoti (l'ultimo in data giovedì 2 febbraio 2017) e l'aumentata quantità delle specie gassose nelle fumarole della Solfatara di Pozzuoli.

In realtà incrementi nella cosiddetta "attività vulcanica secondaria", si sono già manifestati altre volte nel passato su quest'area, senza essere tuttavia seguiti da eruzioni o particolari fasi di criticità ma come si suol dire, prevenire è meglio che curare ed una eventuale eruzione anche modesta in una zona così delicata come è quella dell'area orientale napoletana, deve essere se possibile prevista ed ipotizzata con il maggior anticipo possibile.

 

 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.45: A1 Firenze-Roma

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Chiusi-Chianciano (Km. 409,9) e Allacciamento Diramazione R..…

h 04.44: A21 Torino-Brescia

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Svincolo Alessandria Ovest (Km. 66) e Allacciamento A1-A21..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum