Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Abetone(PT) 21 Gennaio 50 - 70 cm Aperti
Adelboden 22 Gennaio 34 - 70 cm Aperti
Airolo 22 Gennaio 10 - 40 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 20 Gennaio 15 - 180 cm Aperti
Alleghe(BL) 22 Gennaio 2 - 45 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 20 Gennaio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 22 Gennaio 1 - 4 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 20 Gennaio 20 - 10 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 22 Gennaio 25 - 50 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 20 Gennaio 30 - 40 cm Aperti
Andalo(TN) 20 Gennaio 5 - 20 cm Aperti
Andermatt 22 Gennaio 40 - 120 cm Aperti
Aprica(SO) 22 Gennaio 25 - 45 cm Aperti
Arcidosso(GR) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Argentera(CN) 21 Gennaio 35 - 120 cm Aperti
Arosa 22 Gennaio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 21 Gennaio 40 - 80 cm Aperti
Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 17 Gennaio 10 - 15 cm Aperti
Avoriaz 22 Gennaio 80 - 90 cm Aperti
Ayas(AO) 20 Gennaio 35 - 80 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ULTIMISSIME: l'occhio del modello europeo sulla prima decade di gennaio

Un rapido sguardo alla previsione serale del modello europeo; abbiamo ancora delle conferme sugli scenari invernali di inizio gennaio.

Brevissime - 26 Dicembre 2016, ore 20.46

Ad oggi i punti cardine sull'evoluzione del tempo attesa nella prima decade di gennaio restano sostanzialmente DUE: quello più importante è senza dubbio rappresentato da un rallentamento della corrente a getto zonale alle alte latitudini d'Europa, un evento che pone le basi ad una probabile ripresa dei flussi di calore in grado di innescare sull'Europa nuovamente una circolazione di tipo meridiano. Il secondo elemento di grande interesse rappresentato dal grande accumulo di FREDDO sul continente Euroasiatico, pronto ad essere sfruttato alla prima occasione giusta come un vero e proprio "serbatoio" atto ad alimentare delle irruzioni fredde che potrebbero essere in grado di coinvolgere anche il Mediterraneo.

Questa sera la previsione del modello europeo, parzialmente in linea con il pensiero della controparte americana, mette in evidenza proprio sul Mediterrano una fase fredda ed instabile tra lunedì 2 e mercoledì 4 gennaio. Nuove precipitazioni potrebbero interessare il nostro Paese ed una certa riduzione della temperatura si farebbe sentire soprattutto al nord. L'inverno nel frattempo affilerebbe gli artigli sul resto d'Europa, soprattutto i settori nord-orientali, laddove ritroveremo un vistoso vortice d'aria gelida a tutte le quote. 

Maggiori dettagli negli articoli dei prossimi giorni. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.08: SS113 Settentrionale Sicula

frana rallentamento

Traffico rallentato, frana di materiale fangoso nel tratto compreso tra 8,652 km dopo Svincolo Alta..…

h 01.04: SS372 Telesina

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente che coinvolge più veicoli a 3,952 km prima di Bivio Per Foglianise..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum