Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Abetone(PT) 21 Gennaio 50 - 70 cm Aperti
Adelboden 22 Gennaio 34 - 70 cm Aperti
Airolo 22 Gennaio 10 - 40 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 20 Gennaio 15 - 180 cm Aperti
Alleghe(BL) 22 Gennaio 2 - 45 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 20 Gennaio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 22 Gennaio 1 - 4 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 20 Gennaio 20 - 10 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 22 Gennaio 25 - 50 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 20 Gennaio 30 - 40 cm Aperti
Andalo(TN) 20 Gennaio 5 - 20 cm Aperti
Andermatt 22 Gennaio 40 - 120 cm Aperti
Aprica(SO) 22 Gennaio 25 - 45 cm Aperti
Arcidosso(GR) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Argentera(CN) 21 Gennaio 35 - 120 cm Aperti
Arosa 22 Gennaio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 21 Gennaio 40 - 80 cm Aperti
Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 17 Gennaio 10 - 15 cm Aperti
Avoriaz 22 Gennaio 80 - 90 cm Aperti
Ayas(AO) 20 Gennaio 35 - 80 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Stagioni a confronto: il film dell'autunno inverno 2011-2012

Breve sintesi della stagione autunno-inverno 2011-2012.

Amarcord - 29 Novembre 2016, ore 12.20

Ci limiteremo brevemente a riassumere quanto accaduto durante la stagione autunno-inverno 2011-2012, non priva di spunti interessanti e contrassegnata purtroppo da diversi episodi alluvionali, ma anche da uno storico episodio di freddo e neve.

Si parte con un'estate che, nel momento in cui sembrava in procinto di cadere, ha dato il meglio di sè, riscaldando oltre misura il Mediterraneo e fornendo così ulteriore energia per i disastrosi episodi alluvionali che si sono registrati a Genova, alle Cinque Terre, a Barcellona Pozzo di Gotto, così come al forte nubifragio che ha colpito la Capitale, senza dimenticare l'alluvione a Marina di Campo, la famosa località turistica dell'Isola d'Elba.

Sono poi seguite settimane caratterizzate da correnti da nord-ovest che hanno portato molta neve sui pendii nord-alpini, una discreta quantità anche sui versanti adriatici dell'Appennino e su quello meridionale. Al sud, specie sulle regioni estreme, si è registrata una piovosità sensibilmente superiore alla media. L'immobilismo dell'anticiclone, con un cuneo sempre pronto a proteggere il nord-ovest, relegava la gran parte dei fenomeni all'Adriatico, al sud e ai Balcani.

Si arrivava così al modesto passaggio perturbato al nord del 2 gennaio, seguito da una bufera di neve da nord-ovest sulle Alpi a cavallo dell'Epifania che, grazie all'eccezionale intensità della corrente a getto, consentiva lo sfondamento verso sud delle precipitazioni per molti km, ma concentrava le precipitazioni più intense sui versanti esteri e sulle creste di confine.

La neve tornava nuovamente a cadere sul settore appenninico. Poi l'anticiclone regalava momenti più tranquilli con qualche episodio di neve dalla nebbia o neve chimica in Valpadana.


Verso la fine di gennaio ecco la svolta invernale eccezionale che caratterizzerà poi tutta la prima quindicina di febbraio, con blocco gelido in retrogressione dalla Siberia, ponte anticiclonico Azzorre-Russia, nevicate dapprima al nord-ovest, anche oltre 40cm nel Torinese, poi soprattutto al centro-sud con neve anche a Roma in due distinti episodi e in altri due momenti a sfondo temporalesco, nevicate eccezionali su gran parte dell'Appennino emiliano-romagnolo e centro-meridionale, soprattutto tra Emilia-Romagna, Urbinate, e più in generale su Marche, Abruzzo, Molise, ma anche Lucania, Frusinate.
 
Ad Urbino non ci sono precedenti di nevicate simili nell'ultimo secolo, per trovare qualcosa del genere occorre arrivare al 1884.

Mentre le Alpi restavano a secco e sulla Valpadana cadeva solo qualche centimetro, eccezion fatta per l'Emilia-Romagna, il gelo si rivelava di quelli tosti, superando il 96 ed il 91 ed arrivando ad essere paragonato, pur con qualche distinguo per intensità a durata, a quello del 1985.

Tutto cambiava radicalmente nella seconda metà di febbraio con il crollo del ponte barico Azzorre-Russia e un repentino rialzo delle temperature che si trascinerà sino alla fine della stagione, portando a superare anche qualche record di temperatura in Piemonte e in Alto Adige.

In tutto questo c'è stato lo zampino della Nina? Probabilmente si.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.08: SS113 Settentrionale Sicula

frana rallentamento

Traffico rallentato, frana di materiale fangoso nel tratto compreso tra 8,652 km dopo Svincolo Alta..…

h 01.04: SS372 Telesina

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente che coinvolge più veicoli a 3,952 km prima di Bivio Per Foglianise..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum