Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Abetone(PT) 21 Gennaio 50 - 70 cm Aperti
Adelboden 22 Gennaio 34 - 70 cm Aperti
Airolo 22 Gennaio 10 - 40 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 20 Gennaio 15 - 180 cm Aperti
Alleghe(BL) 22 Gennaio 2 - 45 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 20 Gennaio 5 - 50 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 19 Gennaio 10 - 20 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 22 Gennaio 1 - 4 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 20 Gennaio 20 - 10 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 22 Gennaio 25 - 50 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 20 Gennaio 30 - 40 cm Aperti
Andalo(TN) 20 Gennaio 5 - 20 cm Aperti
Andermatt 22 Gennaio 40 - 120 cm Aperti
Aprica(SO) 22 Gennaio 25 - 45 cm Aperti
Arcidosso(GR) 22 Gennaio 15 - 40 cm Aperti
Argentera(CN) 21 Gennaio 35 - 120 cm Aperti
Arosa 22 Gennaio 60 - 100 cm Aperti
Artesina(CN) 21 Gennaio 40 - 80 cm Aperti
Asiago(VI) 17 Gennaio 5 - 40 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 17 Gennaio 10 - 15 cm Aperti
Avoriaz 22 Gennaio 80 - 90 cm Aperti
Ayas(AO) 20 Gennaio 35 - 80 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Arriverà la NEVE come nel gennaio 1986?

Si partì ancora allora da un flusso zonale abbastanza teso, poi dal 24-25 ecco le correnti entrare più franche da nord e non sarebbe finita lì...

Amarcord - 22 Dicembre 2016, ore 10.39

25 gennaio 1986 i fronti freddi provenienti da Nord/Ovest si addossavano alla catena alpina e provocavano un marcato effetto "Stau", o di sbarramento, generando di conseguenza copiose e violente nevicate sulle regioni svizzere ed austriache.

Totalmente opposta la situazione a Sud delle Alpi, in special modo su Piemonte, Lombardia e Liguria: il fenomeno opposto allo Stau, e cioè il Foehn (o Favonio), spazzava le suddette regioni, lasciandole sotto ad un cielo blu terso e limpido, con temperature gradevoli: ma qual'era la situazione sinottica su scala europea?

La vediamo illustrata qui a sinistra dal meteorologo Guido Caroselli: la perturbazione n°16, superate e parzialmente "saltate" le regioni settentrionali italiane, si avviava verso Sud/Est impegnando prima il centro e poi le regioni meridionali.

Al suo seguito un ulteriore impulso freddo, che possiamo notare tra l'Olanda e la Germania settentrionale, avrebbe puntato nuovamente verso la nostra Penisola, apportando le medesime conseguenze del primo.

Tutti gli impulsi freddi erano pilotati dalla profonda depressione sul Nord Europa di 976 hPa, che risultava in lento spostamento verso levante rispetto al giorno prima, quando si trovava ancora sulla Danimarca.

Grazie al climatologo Giovan Battista Mazzoni elenchiamo alcuni dati meteorologici rilevanti relativi alla giornata del 25/01/1986: l'ingresso della Tramontana si fa sentire bruscamente in Toscana attorno alle ore 12, con repentino cambio di vento e rotazione dai quadranti settentrionali.

L'aria fredda in quota da Nord causa una imprevista debolissima nevicata a Roma, costituita prevalentemente da graupel. Nevica abbondantemente in Belgio; neve anche sul Vesuvio, interrotta per neve la Capranica-Guadagnolo nel Lazio; pioggia mista a neve a Napoli.

10-20 cm di neve cadono sul Sub-Appennino Dauno in Puglia, bufere di neve si abbattono sulla Sila, mentre la Sardegna è spazzata da un poderoso Maestrale a 120 km orari, con nevicate sparse oltre i 700 metri. L'inverno colpisce duro al Centro-Sud e dorme al Nord,

26/01/1986 per il momento le perturbazioni sull'Italia provengono da Nord/Ovest, le regioni settentrionali, sottovento alla catena alpina e quindi protette, godono di splendide giornate soleggiate e miti (ma ventose), mentre il Sud e le regioni centrali adriatiche sono sferzate da venti gelidi e da nevicate fino a quote basse.

E' quanto stava accadendo tra il 25 ed il 26 gennaio 1986: una volta scavalcata la catena montuosa e lasciato quasi illese le regioni subalpine e padane, la nuvolosità si ricompone dall'Umbria verso Sud, e la Tramontana che la accompagna provoca drastici cali della temperatura (anche di 10 gradi rispetto al giorno prima), come si vede eloquentemente nel quadro termico delle ore 13 del 25.1.1986, riportato nella foto e tratto da "Che tempo fa" di RaiUno delle ore 19:50. Il meteorologo Andrea Baroni illustra la situazione sinottica prevista per il 26 gennaio 1986.

La corrente fredda proveniente dalle regioni artiche e legata alla depressione in fase di colmamento che si sta gradualmente portando verso l'Europa orientale si sposta anch'essa verso Levante, ma sarà tutt'altro che una corrente di "buon tempo". Sarà presente variabilità sul lato nord/occidentale italiano, che vedrà farsi strada schiarite sempre più ampie, favorite anche dal cuneo di alta pressione sulla penisola iberica che spinge verso Est, mentre il tempo sarà instabile/perturbato sulle regioni centrali adriatiche ed al Sud.

Guardate attentamente questi quadri e confrontateli con quelli che appariranno nei prossimi articoli: la situazione cambierà completamente. La nostra Penisola veniva divisa in quattro fasce di previsione: cielo poco nuvoloso e ventoso su Valle d'Aosta, Lombardia, Piemonte e Liguria. Nuvolosità variabile sul Nord/Est e su parte delle regioni centrali. In maniera errata venivano indicate nevicate sulle zone pianeggianti venete, che invece l'indomani non avrebbero visto nessuna precipitazione.
 
Cielo molto nuvoloso su Lazio, Abruzzo Molise e Campania con precipitazioni nevose anche a quote basse (Baroni non escludeva la possibiltà di spruzzate di neve notturne a Roma). Infine, senza troppi timori quella sera venivano annunciate nevicate anche in pianura su Puglia, Basilicata e Calabria Jonica.

Nei giorni successivi le saccature però avrebbero sfondato molto più ad ovest, determinando nevicate di addolcimento anche abbondanti sul settentrione. Ne parleremo nei prossimi aggiornamenti, insieme a possibili analogie con la situazione che si potrebbe vivere in questa stagione, abbiamo usato ovviamente il condizionale...


Autore : Alessandro Bruscagin, Giovan Battista Mazzoni e Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.06: SS194 Ragusana

frana

Strada chiusa, frana nel tratto compreso tra 1,099 km dopo Giarratana (Km. 67,7) e 10,964 km prima..…

h 02.55: SS121 Catanese

rallentamento

Traffico rallentato, oggetti su strada nel tratto compreso tra 6,764 km dopo Bivio Per Alia (Km. 18..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum