Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo

27 Marzo 2015 - Ore 16.12 Giornata soleggiata e tersa anche in Val d'Aosta, ma guardate che bufere di vento sulle creste del Monte Rosa! Siamo in prossimità dell'abitato di Gressoney la Trinitè: http://meteolive.leonardo.it/webcam/displayWebcam/587/Monte+Rosa+2.238m

27 Marzo 2015 - Ore 15.58 MILANO: domenica con cielo parzialmente nuvoloso sul capoluogo lombardo stante la discesa di frange nuvolose dalle Alpi. Non si prevedono piogge: http://meteolive.leonardo.it/previsione-meteo/italia/Lombardia/Milano/2/

27 Marzo 2015 - Ore 15.49 ROMA: fine settimana di gran sole atteso sulla Capitale, con un po' di vento nella giornata di sabato, temperature gradevoli, qui il dettaglio domenicale: http://meteolive.leonardo.it/previsione-meteo/italia/Lazio/Roma/2/

27 Marzo 2015 - Ore 15.25 Giornata da favola a Colere nella Bergamasca, grazie al vento da nord, umidità bassissima e visibilità da incanto: http://meteolive.leonardo.it/webcam/displayWebcam/841/Colere+paese

27 Marzo 2015 - Ore 15.12 TEMPORALI: nelle ultime ore si sono sviluppati soprattutto tra Lazio, Campania e Calabria meridionale, come mostra in modo eloquente la mappa delle fulminazioni: http://meteolive.leonardo.it/speciali/FULMINAZIONI/58/i-temporali-e-i-fulmini-appena-caduti-in-italia-e-in-europa/31970/

27 Marzo 2015 - Ore 15.03 REGGIO CALABRIA: forti piogge in queste ore sull'Aspromonte con neve che fonde rapidamente nella stazione di Gambarie e rischio di pesanti allagamenti. Raggiunte punte di 70mm di accumulo.

27 Marzo 2015 - Ore 14.58 GENOVA: giornata radiosa, quasi 21° lungo le coste, ma animata da un forte vento settentrionale. La cam rivolta a levante mostra i cumulonembi che stanno agendo con forti temporali sulla vicina Toscana: http://meteolive.leonardo.it/webcam/displayWebcam/328/Genova+levante

27 Marzo 2015 - Ore 14.02 Il TEMPO da lunedì 30 sino a PASQUA: aria mite giungerà da nord-ovest sul nostro Paese, grazie al rinforzo dell'alta pressione, regalando oltre al sole, un sensibile rialzo delle temperature a partire dal nord-ovest. Sono attese punte anche superiori ai 23°C nel pomeriggio di lunedì e di 25-26°C in quello di martedì, specie su fondovalle aostano e altoatesino, Lombardia, Romagna, Marche ed Abruzzo. Mercoledì e giovedì ancora bel tempo, ma con passaggi nuvolosi al nord e qualche grado in meno ovunque. Venerdì Santo possibile passaggio di un fronte freddo lungo le Alpi e sulle Venezie con rovesci sparsi e neve in quota; sulle pianure del nord-ovest asciutto, ancora bello altrove. Sabato nuvoloso e freddo in Adriatico, ma migliora, Pasqua di sole ovunque.

27 Marzo 2015 - Ore 14.00 MESSINA: possibilità di piogge e temporali in città almeno sino alle 12 di sabato, poi miglioramento, qui il dettaglio: http://meteolive.leonardo.it/previsione-meteo/italia/Sicilia/Messina/oggi/

27 Marzo 2015 - Ore 13.58 PUGLIA: tempo da lupi quest'oggi nel Brindisino. Qui siamo ad Ostuni, dove nubi basse sono accompagnate da rovesci di pioggia: http://meteolive.leonardo.it/webcam/displayWebcam/599/Ostuni+%28BR%29

Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 27 Marzo 50 - 200 cm Chiusi
Abetone(PT) 27 Marzo 50 - 200 cm Aperti
Adelboden 27 Marzo 5 - 87 cm Aperti
Airolo 27 Marzo 40 - 200 cm Aperti
Ala di Stura(TO) 25 Febbraio 20 - 50 cm Aperti
Alagna Valsesia(VC) 27 Marzo 50 - 180 cm Aperti
Alleghe(BL) 27 Marzo 20 - 140 cm Aperti
Alpe Cermis(TN) 26 Marzo 15 - 120 cm Aperti
Alpe di Mera(VC) 26 Marzo 0 - 250 cm Aperti
Alpe di Siusi(BZ) 27 Marzo 0 - 80 cm Aperti
Alta Badia(BZ) 27 Marzo 10 - 90 cm Aperti
Alta Pusteria(BZ) 27 Marzo 8 - 112 cm Aperti
Altopiano di Asiago(VI) 27 Marzo 20 - 150 cm Aperti
Altopiano di Vezzena(TN) 27 Marzo 20 - 60 cm Aperti
Andalo(TN) 27 Marzo 0 - 165 cm Aperti
Andermatt 27 Marzo 54 - 500 cm Aperti
Aprica(SO) 27 Marzo 20 - 200 cm Aperti
Arcidosso(GR) 27 Marzo 50 - 200 cm Chiusi
Argentera(CN) 26 Marzo 130 - 300 cm Aperti
Arosa 27 Marzo 90 - 120 cm Aperti
Artesina(CN) 27 Marzo 160 - 290 cm Aperti
Asiago(VI) 27 Marzo 20 - 150 cm Aperti
Auronzo di Cadore(BL) 27 Marzo - assente - Chiusi
Avoriaz 27 Marzo 120 - 270 cm Aperti
Ayas(AO) 27 Marzo 20 - 80 cm Aperti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

30 gennaio 1985: la valanga di Verdeggia(IM)

Questa storia, realmente accaduta ma un po' romanzata, è ambientata a Verdeggia, ultima frazione del comune di Triora (IM) in alta valle Argentina.

A tutta neve - 11 Settembre 2002, ore 10.38

Verdeggia si trova a 1100 m ed è una bellissima borgata con i tetti tutti in ardesia (anche perchè la zona è stata per anni uno dei due poli liguri di estrazione di questa splendida pietra nera) e le case che si stringono l' una all' altra proprio ai piedi dell' imponente parete sud del Monte Saccarello (2200 m), la più alta montagna ligure, la cui vetta fa da confine tra Piemonte, Liguria e Dipartimento delle Alpi Marittime francesi! In verità la storia ed i confini in questa zona si sono divertiti a "giocare" diverse volte! Pensate che Verdeggia per molti secoli è stata divisa dalla, vicina e simile per tradizioni e cultura, Realdo, proprio dal confine tra la Superba Repubbblica di Genova (Verdeggia) e i possedimenti di Sua Maestà il Re di Sardegna (Realdo). Solo quando tutta la zona è passata nelle mani dei Savoia le due località si sono trovate ad avere un' unica amministrazione, che però si trovava al di là dello spartiacque, in val Roya, a Briga! Il territorio del Comune di Briga era vastissimo e comprendeva l' alta valle Argentina, appunto con Realdo e Verdeggia, ma si spingeva anche nell' attuale Piemonte con le frazioni di Upega e Briga Alta! L' assetto attuale e la frammentazione di queste genti, i "Brigaschi" appunto, è avvenuta solo con il trattato di Parigi del 1947 che prevedeva il passaggio di Briga/Brigue alla Francia e la costituzione del comune di Briga Alta (CN)! Ma questo sentirsi un' unica comunità pur facendo parte di valli diverse ed anche lontane era dato soprattutto da una cultura ed un' economia comune! L' economia era basata principalmente sul pascolo degli ovini e sul commercio di scambio dei prodotti di montagna con quelli delle popolazioni della costa ligure! La cultura era data soprattutto dalla presenza di un dialetto molto particolare...qualcuno ha azzardato che sia quasi una "lingua" a sè! Fino agli anni '20 Realdo e Verdeggia erano abitate da circa 1200 anime...Ora a Verdeggia rimangono solo 7 persone che la abitano tutto l'anno! Una di queste è la signora Rina Lanteri (i cognomi qui sono praticamente solo 2: Lanteri e Pastorelli...) e ha ancora ben viva in mente quella terribile notte del 30 Gennaio 1985! Ora la signora Rina è vedova, ma allora era ancora in vita il marito e ora che le Primavere sono quasi 85 il suo pensiero va molto spesso a quei momenti, come se sentisse un presagio... L'inverno di quell'anno, anche se iniziato con un clima piuttosto mite, aveva ben presto mostrato la faccia peggiore: poco dopo Natale aveva iniziato a nevicare ed anche Verdeggia era rimasta isolata per qualche giorno, come molte frazioni della vicina provincia di Cuneo, per l'impraticabilità delle strade! Sull' altro versante del Monte Saccarello erano ben contenti di tutto quel manto bianco, perchè significava tanto sci e tante discese sulle piste della stazione di Mònesi(IM)! Ma a Verdeggia un po' meno... Intanto il freddo si faceva sempre più pungente e nelle stufe delle piccole case bruciava ogni giorno una gran quantità di legna! Verso metà mese un' altra copiosa nevicata...poi di nuovo gelo...ed infine tra il 27 e 29 Gennaio più di un metro e mezzo di bianca coltre aveva ricoperto il piccolo borgo abbarbicato sulle pendici del Saccarello! A Verdeggia regnava una pace surreale. Un silenzio magico, interrotto solo dallo scoppiettare della legna nelle stufe e nel forno comune, dove tutti gli abitanti, da secoli, hanno sempre portato a cuocere il pane! Anche la signora Rina, incurante della fitta nevicata era andata come di consueto a far cuocere il pane al forno comune che si trovava sulla piccola piazzetta della borgata. Mentre aspettava che il pane diventasse croccante si guardava intorno, in alto, come per cercare di vedere se ci fosse un accenno di fine della precipitazione. Ma niente! I fiocchi cadevano fitti e asciutti. Cadevano proprio come se tutti provenissero dalla vetta del Saccarello. Rina pensava che se lì nevicava così, chissà quanta neve avrebbe fatto 1000 metri più in alto! Ritirato il pane, Rina si riavviò verso casa, preparando poi una modesta cena per il marito. Poco dopo si andarono a coricare. Il silenzio era totale. La notte aveva avvolto tutto, ma la neve continuava a scendere. La signora Lanteri però non era tranquilla e verso mezzanotte si alzò e andò a vedere fuori dalla finestra: non nevicava più! Neppure più un fiocco! Ed in cielo brillavano lucentissime le stelle! Con l'animo un po' più sollevato se ne ritornò sotto le coperte e prese sonno! Ad un tratto un rumore fragoroso, imponente, enorme, mai sentito prima interruppe il sonno di tutti i Verdeggiaschi! Un rumore che sembrava non finire mai. In quegli attimi i pensieri degli abitanti di Verdeggia erano tutti per le loro povere vite...Avevano capito che quella era una... valanga!!! Tutto era iniziato proprio 1000 metri più in alto. Un rododendro aveva sopportato "stoicamente" tutta quell' enorme massa di neve, ma, come d' un tratto, troppo stanco, aveva deciso di scuotersela da dosso! E così pochi fiocchi avevano iniziato la loro corsa verso valle, ma nel cammino i fiocchi erano diventati centinaia, migliaia, milioni...Tutti insieme avevano imboccato il vallone che porta dritto-dritto a Verdeggia ed in un turbine maestoso una masa di neve imponente si stava lanciando a grande velocità giù dal canalone! Poi d' un tratto il silenzio! Impressionante! Rina decide di andare a vedere! Non poteva credere ai suoi occhi! Una enorme valanga aveva centrato esattamente la piazzetta della borgata, senza però danneggiare nessuna abitazione, se non il monumento ai caduti, un' autovettura, il palco della Pro Loco e...il forno comunitario! Come un flash, nella mente della signora Lanteri, tornò vivissimo il ricordo di ciò che le raccontava sua madre, ed ancor prima sua nonna ...e bisnonna! Era il racconto di quella stessa identica valanga, caduta esattamente 180 anni prima: il 30 Gennaio 1805. Allora Verdeggia contò ben 16 vittime, seppellite in una fossa comune per la lontananza (allora non c' era la strada carrozzabile) da Triora e numerosissime case distrutte...proprio quelle case che erano costruite dove ora c'è la piazzetta del paese! Da quella volta le nuove case furono costruite più ad ovest per prevenire un altro evento simile! E Rina pensò tra sè e sè che allora qualche volta imparare dagli errori del passato serve!! Ma nella mente della Signora Lanteri si legge ancora qualcosa...come se si aspettasse un evento simile proprio quest' inverno!! ...Auguriamoci solo che, se proprio dovesse succedere, sulla piazzetta, in quegli istanti non ci sia nessuno!!

Autore : Simone Ferraro

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.46: A16 Napoli-Canosa

incidente

Incidente tra Pomigliano D'arco (Km. 7,3) e Allacciamento A1 Milano-Napoli in direzione Napoli d..…

h 04.17: A3 Napoli-Salerno

incidente

Incidente tra Torre Annunziata Nord (Km. 17,5) e Torre Del Greco (Km. 12,5) in direzione Napoli..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum