Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
Abbadia San Salvatore(SI) 04 Maggio n/d Chiusi
Abetone(PT) 04 Maggio n/d Chiusi
Adelboden 31 Maggio n/d Chiusi
Airolo 31 Marzo n/d Chiusi
Ala di Stura(TO) 04 Aprile n/d Chiusi
Alagna Valsesia(VC) 18 Aprile n/d Chiusi
Alleghe(BL) 25 Settembre - assente - Chiusi
Alpe Cermis(TN) 07 Settembre - assente - Chiusi
Alpe di Mera(VC) 07 Settembre - assente - Chiusi
Alpe di Siusi(BZ) 25 Settembre n/d Aperti
Alta Badia(BZ) 07 Settembre - assente - Chiusi
Alta Pusteria(BZ) 23 Giugno n/d Chiusi
Altopiano di Asiago(VI) 23 Aprile n/d Chiusi
Altopiano di Vezzena(TN) 04 Aprile n/d Chiusi
Andalo(TN) 18 Aprile n/d Chiusi
Andermatt 21 Settembre - assente - Chiusi
Aprica(SO) 15 Aprile n/d Chiusi
Arcidosso(GR) 04 Maggio n/d Chiusi
Argentera(CN) 12 Aprile n/d Chiusi
Arosa 31 Maggio n/d Chiusi
Artesina(CN) 11 Aprile n/d Chiusi
Asiago(VI) 23 Aprile n/d Chiusi
Auronzo di Cadore(BL) 04 Aprile n/d Chiusi
Avoriaz 25 Aprile n/d Chiusi
Ayas(AO) 31 Agosto - assente - Chiusi
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I TORNADO italiani più catastrofici NON appartengono ai tempi del "global warming"!

Breve carrellata tra i fenomeni più devastanti che hanno colpito il nostro Paese dal 1850 ad oggi.

**Video** - 20 Luglio 2016, ore 11.42

L'Italia non è sicuramente la culla dei fenomeni tornadici, come lo possono essere ad esempio le vastissime pianure nord-americane. Questo perchè un tornado, per il suo sviluppo e il suo sostentamento, necessita di favorevoli condizioni a scala sinottica e locale, ma anche di un territiorio favorevole sul quale potersi sfogare.

L'Italia, con tutte quelle valli, quelle montagne, quelle coste frastagliate, mal si presta a permettere lo sviluppo di fenomeni tornadici particolarmente violenti. La valle Padana è l'unico settore del nostro Paese dove si possono creare le condizioni necessarie e sufficienti affinchè si possano creare quegli incredibili mostri del cielo. A volte però anche altre piccole pianure possono improvvisamente anomarsi...

La cronaca degli eventi violenti abbattutisi sull'Italia annovera alcuni episodi storici e che si sono accompagnati purtroppo anche a diverse vittime.

Abbiamo parlato a lungo del tornado di Dolo (VE) dello scorso luglio, prima di allora cosa è successo?

Il 28 novembre del 2012, un tornado colpisce in pieno l'Ilva di Taranto provocando 38 feriti e una vittima; prima di allora il 6 giugno del 2009, un tornado classificato F3 (su una scala di F5) si abbatta sul comune trevigiano di Vallà di Riese. Conseguenza: una trentina di feriti e danni per diversi milioni di Euro.

Da menzionare anche il terribile tornado che colpì la Brianza il 7 luglio del 2001. La sua potenza, classificata F3, non fu tanto importante quanto la zona estremamente popolata che esso attraversò lungo i suoi 7 chilometri di percorso. Il comune più colpito fu quello di Arcore, dove si contarono un centinaio di feriti.

Andando indietro negli anni approdiamo alla catastrofica giornata dell'11 settembre del 1970, allorquando un tornado di potenza F4 fece sua la Laguna Veneta e il Padovano, mietendo ben 36 vittime e oltre 500 feriti. Tra i connotati spettacolari del vortice la sua durata, quasi un'ora, e la distanza percorsa, ben 70 chilometri. 

Occorre fare un salto di soli due anni e approdare al 31 ottobre del 1968 per annoverare il tornado che sconvolse la piana di Catania provocando due vittime, mentre il 4 luglio del 1965 toccò all'Emilia, con i comuni di Fiorenzuola e di Torricella di Sissa, posti tra Piacenza e Parma che, investite da un improvvisa manifestazine tornadica, videro morire ben 9 persone.

Il 16 giugno del 1957 una spaventosa supercella temporalesca dotata di tornado rase letteralmente al suolo due paesi nel Pavese, esattamente Vallescuropasso e Robecco. 6 le vittime.

Devastante fu la "tromba del Montello", episodio tornadico abbattutosi il 24 luglio del 1930 tra Udine e Treviso (nell'immagine i danni che provocò). Il vortice sopravvisse per ben 84 minuti e raggiunse velocità del vento pari a 500 km/h, corrispondenti al massimo della scala di rifermimento, ovvero la F5. 24 vittime.

Ancora la Brianza nell'occhio del ciclone il 23 luglio del 1910. Qui la catastrofe fu davvero immane, come racconta la cronaca del tempo. Le vittime furono 60. Erano sicuramente altri tempi. Lo erano anche per quanto riguarda l'evento più catastrofico della storia meteorologia italiana, quello occorso nella zona di Marsala, in Sicilia, nel dicembre del 1851. L'evento vide svilupparsi due trombe marine al largo della costa, vortici che poi raggiunsero la terraferma sviluppandosi ulteriormente. Si contarono ben 500 vittime.

Dunque i fenomeni estremi con vittime appartengono più che altro al passato. 


Autore : Redazione di MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum